Sensory Awareness – Sulla percezione e consapevolezza (parte prima) a cura di Valter Mader

Dare Corpo

A cura di Giovanni Montani

 

Amore è interesse attivo per la vita e la crescita di ciò che amiamo

Sono approdato al lido della Gestalt dopo anni di navigazione in acque che lambiscono diverse terre esperienziali delle Relazioni d’aiuto e ho appreso e, in parte sperimentato, il sapere delle “genti” che le abitavano. In ogni esperienza ho riconosciuto il mio bisogno “organismico” di crescere e di evolvermi e sono stati importanti e intermedi passaggi di un viaggio verso una meta più lontana di cui intuivo l’esistenza e non conoscevo la rotta per raggiungerla.

Ho vissuto l’esperienza di operatore shiatsu con formazione ASK – Aiki Shiatsu Kyokai nell’ arco di tempo di circa sette anni, prima di approdare alla formazione di counselor gestaltico. Nell’esperienza dello shiatsu, coglievo con interesse le originali e personali manifestazioni corporee degli innumerevoli disagi e problematiche riportate dai clienti. Ricordo che durante le anamnesi a carattere energetico, nel raccogliere informazioni sulla famiglia, i clienti potevano evidenziare forti conflitti con i genitori, ad es. attraverso un sorriso a mò di ghigno, riportando le malattie gravi di un genitore, piuttosto che di un ritrarsi con un atteggiamento di chiusura con le spalle e accompagnato da una voce mesta che poteva far intuire di un lutto non elaborato. Oppure le informazioni sui disagi personali o di altri famigliari erano vaghe e quindi sospette quando si riferivano ai tempi recenti della malattia e anche segnalazioni di problematiche personali visibili come punta di un iceberg e di cui la persona non era consapevole. Tutto ciò avrebbe potuto rappresentare le cause del disagio di stare nel mondo e con possibili riflessi di blocchi o limitazioni energetiche nelle varie parti del corpo. Tutto questo patrimonio ricco di elementi da elaborare nelle sedute rimaneva inespresso e isolato per mancanza di formazione appropriata e ne scaturì allora la decisione di far fruttare questa ricchezza e ripresi il viaggio verso il mondo della Gestalt.

Il viaggio rappresentò un ulteriore incremento di conoscenza di come “stavo nel mondo” e sicuramente espressione di modalità cristallizzate che interferivano nelle relazioni personali private e sarebbero state delle interferenze importanti nelle relazioni di accompagnamento. Il pretesto era il corso di formazione per counselor e in sostanza rappresentò il risveglio per Esserci.

Poi nei tempi gestaltici appresi che ognuno di “noi corpo” ha impressi i segni di esperienze del passato, segni che ci hanno permesso di adattarci alle situazioni e di compensare determinati vissuti che le hanno accompagnate. Consideriamo che nel percorso di crescita il bambino, sempre creativo nelle sue strategie di sopravvivenza, struttura il proprio corpo in un certo modo anche a causa di una interruzione dell’eccitazione dovuta a varie esperienze che ha vissuto nel contatto con l’ambiente. Le interruzioni protratte o traumatiche di tali eccitazioni sembrano costringere il bambino a dissociarsi dall’area del proprio corpo implicata a rivendicare di vivere l’eccitazione e ciò lo serra nella morsa di una tensione che appare necessaria ad impedirne l’espressione e quindi l’appagamento e perpetua così lo stato di bisogno e di frustrazione. Poiché l’ambiente in cui il bambino vive è comunque sempre lo stesso per parecchi anni, e può non essere sempre di sostegno, egli cronicizza delle modalità che divengono abituali e che quindi diventano sua parte integrante. Il bambino comincia ad interrompere il contatto con l’ambiente, ma a lungo andare si dimentica di come lo fa e perde il contatto con sé stesso e con il proprio corpo che, può rimanere” incastrato” in quella esperienza. È quindi attivo il processo di cristallizzazione che caratterizzerà la risposte che nel tempo si manifesteranno nell’incontro tra Mondo Interno (MI) e Mondo Esterno (ME) della persona. È il grande tema degli effetti dei Meccanismi di Difesa o anche blocchi energetici che ne scaturiscono al confine tra Mondo Interno (MI) e Mondo Esterno (ME)e che evidenziano una limitata modalità di adattamento creativo agli accadimenti della vita.

Quanto detto permette di cogliere l’aspetto manipolatorio o non autentico che è caratteristico dei modi nevrotici di “stare nel mondo”. Questo modo nevrotico è caratterizzato dall’evitamento di sostenere certe esperienze e determina delle “fughe” in quanto scarsamente educati al contatto con l’ambiente, a “stare con l’esperienza” per quanto possa essere dolorosa o sconcertante.

Il lavoro gestaltico rappresenta un modo per ampliare la consapevolezza tramite l’espressione verbale, quella motoria, amplificando il mondo immaginifico e dando maggior espressione alla esperienza artistica.

Il fine quindi è quello di promuovere risposte autentiche e quindi di lasciare l’attitudine della manipolazione di sé stessi e degli altri, ciò è riassumibile nell’affermazione di J.S. Simkin “io e tu, qui e ora”, vale a dire di accettare l’abbandono di modelli e aspettative.

Mi ha profondamente colpito e riporto il pensiero del IV Dalai Lama, sul cambiamento:

“L’atto di accettare il cambiamento ha un ruolo essenziale nelle relazioni con gli altri. Simili periodi di transizione possono diventare quelli cruciali, in cui comincia a maturare e fiorire il vero amore. Saremo finalmente in grado di conoscere davvero l’altro, di guardarlo come realmente è: un individuo distinto, magari con difetti e debolezze, ma non meno umano di noi. E allora potremo assumerci un impegno autentico, come di fatto accade nell’amore vero”.

Il lavoro sulla CONSAPEVOLEZZA ha, per quanto sopra esposto, lo scopo di aumentare la capacità di essere presenti nelle relazioni, consapevoli delle proprie esperienze emotive e capaci di identificarsi empaticamente con i vissuti dell’altro, nonché nel percepire e superare le varie interruzioni di contatto. Necessita ora una brevissima illustrazione sul significato di Contatto nell’accezione della Gestalt. Il ciclo del contatto in Gestalt rappresenta quell’insieme di azioni che permettono il sano flusso ininterrotto dell’esperienza, dall’emergenza di un bisogno al suo soddisfacimento: esso è definito dall’attività del “sé” in quanto processo temporale che si evolve nel tempo attraverso vari stadi. Il processo di “contatto”, attraverso il quale facciamo passare qualcosa attraverso i confini dell’io, è alla base della nostra vita ed è in un continuo movimento che di volta in volta assume direzione dal fuori (ME) al dentro (MI) e dal dentro (MI) al fuori (ME) e questi processi richiedono un coinvolgimento di energia per trovare la loro sana attuazione. Il contatto è dato dalla capacità di rispondere in modo creativo e flessibile, con persistenza e chiarezza, all’interno di un ambiente che suscita interesse e che corrisponde ai nostri bisogni.

Il continuo movimento tra MI e ME trova una profonda accoglienza di comprensione   nell’approccio gestaltico che possiamo considerare come psico-corporeo. La connotazione psico-corporeo non è intesa nel senso limitativo di prevedere esercizi e manipolazioni “sul” corpo, bensì come orientamento che si radica in una concezione “organismica” e questo termine caro a Perls identifica i diversi piani di lettura dell’individuo nel suo aspetto somatico, psicologico, sociale e spirituale, cognitivo e sono espressioni di una stessa entità la cui sostanziale unicità sarà sempre importante ricordare.

E’ proprio dal senso etimologico del termine organismo (dal greco antico orgao- sentirsi rigogliosi, sentire il sangue in piena come l’acqua del fiume della vita, orghe– terreno fertile e sacro) che possiamo cogliere la differenza rispetto allo stato energetico personale o delle persone che incontriamo negli accadimenti della vita.

Il percorso di esperienza che si avvia dalla pratica di Sensory awareness porta nel tempo a cogliere questa differenza e, coerentemente alla impostazione fenomenologica, la Gestalt consente di riconoscere ciò che si manifesta prima di presumere di accedere a ciò che si nasconde.

L’esperienza è fondamentale nell’ aspetto gestaltico in quanto è proprio nel punto di contatto tra MI e ME che è possibile cogliere la manifestazione del “sé”, e rappresenta più precisamente il momento in cui l’organismo entra in contatto con l’ambiente. Tale esperienza non è solo il sentire nel qui-e-ora, ma è anche l’“andare verso”, la “tensione al contatto” e ancora nell’atto dell’ad-gredior, dal latino “andare verso“. Nel suo significato originario essa sta a rappresentare un movimento verso qualcosa o qualcuno; la sua funzione è quindi quella di muovere la persona verso una meta, un oggetto, un’altra persona, ecc. Alla base di ogni “movimento verso”, quindi di ogni aggressione, c’è un bisogno o un desiderio da soddisfare e nei rapporti interpersonali l’aggressività è l’emozione-movimento che ci permette di prendere le cose e gli affetti di cui necessitiamo per il nostro benessere. La capacità di aggredire l’ambiente è fondamentale anche per la costruzione dell’identità e della sicurezza interiore, in quanto il nucleo portante della nostra identità si costituisce nei primi anni di vita nella relazione con l’ambiente ed il senso profondo di sicurezza, forza e integrità si consolida nel saper chiedere e prendere ciò di cui abbiamo bisogno.

Queste due possibili rappresentazioni di movimento per un fatto concreto ci riportano ad una risonanza con il principio della Gestalt, e cioè “esserci” o da-sein (in tedesco) si trova solo nel tempo e pertanto bisogna connettersi con l’esperienza del tempo. Usa la parola tedesca da-sein (esser-ci), perché vuol dire essere presente nel momento invece di usare semplicemente sein (essere). ‘Esserci’, è un modo per entrare in contatto con il vissuto dell’essere, come modo di essere nel mondo.

Portiamo ancora l’attenzione al flusso che nella figura sopra esposta, evidenzia le possibili reazioni rispetto al desiderio/bisogno che emerge in figura nella persona e che porterebbe a percorrere il ciclo della Gestalt in modo sano se la sua percezione sensoriale fosse ben definita e chiara in modo da attivare gli strumenti disponibili nella sfera della consapevolezza per raggiungere e utilizzare ciò che è nutriente e di rifiutare quello che non lo è. Spesso la percezione sensoriale risulta offuscata a causa di condizionamenti remoti nella nostra infanzia determinati dall’ambiente in cui si è vissuto e di fatto quegli elementi remoti continueranno a generare gestalt incomplete che interferiranno con la nostra vita presente. Questo aspetto è molto simile al concetto psicoanalitico, che le nostre faccende irrisolte e i nostri traumi sono registrati nel nostro inconscio e ci disturbano nella nostra vita quotidiana con forti interferenze relazionali. Queste interferenze relazionali condizionano fortemente la negoziazione tra individuo e ambiente tendente alla attualizzazione delle risorse potenziali e quindi condizionano la trasformazione di queste risorse potenziali in energie cinetiche, cioè energie in movimento tese al raggiungimento di una situazione ottimale dal punto di vista del riequilibrio energetico attuato attraverso le fasi della accumulazione, distribuzione e scarica della energia stessa.

L’organismo sano raccoglie tutte le proprie potenzialità per la gratificazione dei bisogni in primo piano. Immediatamente, appena un compito è terminato, recede sullo sfondo e permette a quello che nel frattempo è diventato il più importante di venire in primo piano. Questo è il principio dell’autoregolazione organismica

(Perls F.L’Io la fame e l’aggressività, Franco Angeli 1995, pag. 48)

Queste interferenze trovano nell’approccio gestaltico la lettura fenomenologica frutto del pensiero di Husserl che adotta l’ontologia del fenomeno: qualcosa che si manifesta nella forma in cui appare proprio nell’esperienza che sgorga dall’interno del corpo e avente il carattere dell’immediatezza.

E’ da queste basi che muove il progetto della fenomenologia husserliana, che intende per l’appunto porsi come una filosofia di carattere descrittivo, come una teoria della conoscenza che si prefigga di fare luce sulla natura del mondo e delle cose a partire dall’esperienza vissuta e da null’altro. Fin dalla sua prima elaborazione, l’oggetto dell’indagine fenomenologica è l’esperienza, che si può cogliere e analizzare mediante l’intuizione: essa, assunta puramente per ciò che è, non è altro che la coscienza nella sua essenza, ovvero nella sua naturale apertura al mondo. Il pensiero originale di E. Husserl agisce come stimolo sullo sviluppo del pensiero di numerosi e autorevoli filosofi e studiosi, spesso – come nel caso di Heidegger, per anni suo assistente, e, più tardi di Merleau-Ponty e Sartre.

Maurice Merleau-Ponty, ne”Fenomenologia della percezione” ci presenta la centralità del corpo come sorgente di conoscenza del nostro essere nel mondo:

Seguendo l’ottica fenomenologica insita nelle Gestalt, il corpo è fondamentale rapporto con gli altri esistenti, è il linguaggio attraverso il portamento, è il segno di trasmissione dell’affettività: il corpo è il punto di vista sul mondo e il regista delle percezioni”.

(Merleau-Ponty, Fenomenologia della Percezione, Bompiani, Milano, 2003)

Il tracciato fenomenologico è profondamente presente nel contributo di J.M. Robine:

”Terapeuta e paziente seguono il flusso del mondo-della-vita, da cui emergono sensazioni, emozioni, pensieri e direzionalità relazionale

(J.M.  Robine, Il Rivelarsi del Sé nel Contatto, Franco Angeli, Milano, 2007)

 

Il lavoro proposto scaturisce dall’osservazione che gran parte delle strutture psichiche e fisiche che sono importanti p er il modo di essere di una persona e non derivano da una scelta consapevole: la persona è quantomeno inconsapevole del significato di una particolare postura o tensione. Citando Perls sull’area della in-consapevolezza, “siamo inconsapevoli dei nostri processi vegetativi, delle forze che ci costringono a respirare, a mangiare e a espellere”.

Nella concezione di Perls, la nostra consapevolezza è ristretta perché non accettiamo la sofferenza e perciò il processo di accompagnamento necessità di mantenere un elemento di austerità. La persona “nevrotica” sarà gradualmente educata a “stare con l’esperienza”, per quanto doloroso possa essere.

La consapevolezza si sviluppa su tre livelli: corpo, emozioni e mente. La fluidificazione dell’energia dell’eccitazione e dell’azione consentirà esperienze fisiche, emotive e cognitive in continua emersione.

Il primo passo  è di educare la persona a divenire maggiormente consapevole di cosa sta facendo fisicamente, portando l’esperienza del corpo in primo piano ( è il processo di risensibilizzazione).

Il processo dell’educare, latino educere “estrarre o portare all’esterno qualcosa che è nascosta all’interno o rinchiusa”, indica il lavoro che produrrà il counselor “Io” nell’incontro con “Tu”.

In questo stadio iniziale lo scopo del lavoro è aiutare la persona a stare in contatto in modo più chiaro su “cosa accade”, così che il significato possa venire fuori naturalmente da sensazioni chiare.

Accrescere la consapevolezza di “cosa accade” dà inizio ad un processo di ri-appropriazione. E allora sarà necessario dare stabilità al processo di cambiamento dove l’aspetto nevrotico rappresentato dalla struttura corporea che può essere vista come una conversazione cristallizzata o un dialogo tra parti del sé in conflitto si trasforma nella sana relazione tra le parti in gioco.

Questo concetto può essere esteso più ampiamente all’organizzazione sociale dove la conversazione è rimasta bloccata solo perché una parte ha acquistato il dominio ed è stato raggiunto un equilibrio di potere, per quanto fragile o gravoso.

Il fine del lavoro sulla consapevolezza è di far emergere nella sperimentazione come sia importante per la persona riappropriarsi della funzione del corpo nella sua interezza come condizione necessaria per la propria salute.

La finalità consiste nel far sperimentare fisicamente i sentimenti e i comportamenti di ogni parte (del corpo o dell’organizzazione) per avviare quel processo di consapevolezza che può essere rimasto bloccato e promuovere che tutti gli aspetti del sé mantengano in vita e adempiano a una funzione per l’intero organismo.

Mentre si avvia questo processo, sono proposte sperimentazioni per sviluppare e praticare nuove modalità di contattare l’ambiente e di soddisfare i bisogni senza la tensione e la distorsione dovute al conflitto.

La Gestalt cerca di “rivitalizzare l’apprendimento propriocettivo” portando alla consapevolezza le “vecchie repressioni (rimozioni)” in modo tale da “renderci conto nuovamente delle contrazioni muscolari e liberare l’eccitazione bloccata” (I. Bloomberg).

Colpisce rilevare nel pensiero di M. Proust, quasi antesignano della psicosomatica, il preciso riferimento a blocchi energetici del corpo, ne “Il tempo ritrovato”, quando scrive: “Le nostre braccia, le nostre gambe, sono piene di ricordi addormentati …” (1928)

L’uso dello sperimentare pone in rilievo l’importanza di fare qualcosa di nuovo e diverso nel qui ed ora. E’ chiaro che per quanto detto, il programma proposto rappresenta una stimolazione per le singole persone a raccogliere i dati sulla loro attitudine a cogliere la realtà emergente (tensioni corporee, consapevolezza delle parti lasciate nello sfondo) e questo si può tradurre nel contattare l’elemento o elementi più carichi di significato e di energia in un preciso momento, consentendo nel tempo, attraverso la pratica, di organizzare strategie atte a realizzare lo scambio vantaggioso di dare e avere tra ambiente esterno e ambiente interno.

Il processo di ri-appropriazione è inserito in una gestalt più ampia rappresentata dal processo di cambiamento e in cui agiscono le gestaltung osservate durante il lavoro, ovvero quei processi operanti nel tempo e anch’esse sono sottoposte all’azione per la trasformazione della persona (Tu) e coinvolge nello stesso tempo il counselor con il proprio processo di trasformazione (Io). Questa alchimia dell’incontro, in entrambi produrrà materia ed esperienza che verranno depositati nell’unità mente anima corpo dell’organismo e questa essenza sarà la nuova energia che alimenterà i processi creativi futuri e determina la crescita della persona nella funzione del manifestarsi della personalità nell’incontro con l’ambiente.

In questa interazione tra “Io e Tu” entrano nello spazio della relazione gli elementi alchemici di ambedue e saranno tipici del counselor l’empatia, l’amore, la competenza, il controtransfert, la sua storia personale con la consapevolezza di aspetti problema contattati e unfinished business che possono essere noti oppure ancora celati. Il cliente porterà il suo transfert, il suo problema emergente e quelli sommersi. E. Fromm ne “L’arte di amare” pag 37 Mondadori, evidenzia la responsabilità come altro aspetto dell’amore che entra nella scena rispetto alla cura e all’interesse (lavoro per..). La responsabilità è un atto strettamente volontario e rappresenta la risposta che dà l’adulto al bisogno, espresso o inespresso, di un altro essere umano. Fromm ribadisce che “essere responsabili” significa “essere pronti e capaci di rispondere”. La responsabilità è presente là dove “Amore è interesse attivo per la vita e la crescita di ciò che amiamo” e dove manca questo interesse, non esiste amore. Ancora Fromm, cita la risposta di Caino alla domanda di Dio che gli chiese dove fosse suo fratello: “Sono il custode mio fratello?” e la elabora sul tema della responsabilità dove “la vita di suo fratello non è solo affare di suo fratello, ma suo. Si sente responsabile dei suoi simili, così come si sente responsabile di se stesso. Ancora Fromm: “Questa responsabilità, nel caso della madre e del bambino si riferisce soprattutto alle cure materiali; nell’amore tra adulti, si riferisce principalmente ai bisogni psichici dell’altra persona”. Fromm introduce un ulteriore elemento su questo tema dell’amore per l’altro ed è il “rispetto”. Il rispetto per l’altro è essenziale in quanto la responsabilità, ancora con Fromm, “potrebbe facilmente deteriorarsi nel dominio e nel senso di possesso”. Il vero senso della parola, dal latino respicere = guardare, è la capacità di vedere la persona com’è e desiderio che l’altra persona cresca e si sviluppi per quello che è. Ma questo presuppone che il rispetto è possibile solo se si ha raggiunto un buon stadio di indipendenza, ovvero se si ha raggiunto un buon autosostegno. Avere un buon autosostegno significa stare in piedi (emozionalmente nell’autoriconoscimento) senza aver bisogno delle grucce del dominio e dello sfruttamento dell’altra persona (la sua nevrosi o la sua malattia).

Apro una breve parentesi su questa tematica e riconducibile ad un possibile titolo: Il potere nella terapia.

Il potere è l’espressione di una capacità e intesa come applicazione del sapere, saper fare e saper essere, nell’applicazione più orientata alle relazioni di aiuto. Provenendo da quanto espresso fin ad ora, nella maggior parte dei casi la persona avrà subito la deformazione imposta dall’”ambiente” nei termini di imporre la propria”verità” che ha predominato su quella fisiologica del bambino in crescita. Può configurarsi come un processo di generazione dell’essere nevrotico. Il bambino ha usato le proprie risorse disponibili per affermare il suo diritto, ma è stato sconfitto da forze soverchianti. Ha pattuito la pace con l’ambiente attraverso la rinuncia al proprio potere che poteva essere espresso dal libero movimento e ha quindi rinunciato a silenziare parte del proprio corpo, della propria vitalità, della propria sensibilità, della propria emotività per stabilire una “soddisfacente” relazione con il suo ambiente o Mondo Esterno (ME). Possiamo definirla come un adattamento alla “sopra-vivenza” e il bambino paga un caro prezzo in quanto introduce le basi per una forte limitazione al fluire dell’energia nei processi della vita.

Ora mi affido alle chiare riflessioni espresse da Dot Attilio Gardino, fulgido relatore della mia tesi: “Il confine nella terapia Shiatsu”. Attilio,scomparso recentemente, lascia questa indelebile direzione da seguire per meglio chiarire le possibili derive che possono influenzare la relazione di aiuto nel viaggio dell’accompagnamento.

Attilio si riferisce ai caratteri nella definizione della Bioenergetica e sarà mia cura produrre in un prossimo intervento la trattazione di questo argomento per una sua comprensione. Riporto ora testualmente il pensiero di Attilio Gardino, come riconoscimento alla sua chiarezza nella trattazione del tema.

Questa esperienza (pattuire per salvarsi) lo accompagnerà (il bambino) per tutta la vita, il potere è e sarà rappresentato (in forma più o meno considerevole) dalla capacità di agire sul mondo costituendo una relazione finalizzata al conseguimento del proprio “benessere” nevrotico (speranza di ricomporre grandiosamente la propria unità perduta, generata dall’illusione caratteriale). Queste due prime e fondamentali esperienze avranno la forza influenzare, sotto forma di illusione nevrotica, sostenuta da una congruente organizzazione corporeo – energetica, la relazione con l’altro. La sofferenza generata dal primitivo conflitto si è trasformata in una cronica insoddisfazione esistenziale. E’ questa sensazione sotterranea che attiverà la costante ricerca (coazione a ripetere) di una situazione relazionale in cui l’illusione caratteriale possa essere appagata. Le parole di A. Carotenuto, psicanalista di scuola junghiana, citate nella tesi “Il confine nella terapia Shiatsu” di V. Mader, sono estremamente efficaci nel descrivere le caratteristiche essenziali della situazione desiderata.

(citazione di A. Carotenuto)

” Non è una vaga insoddisfazione, ma una richiesta esplicita, con due connotati precisi: il bisogno insaziabile di rivivere quell’esperienza insoddisfacente e il bisogno di riviverla diversamente da quella prima “edizione” in una situazione di POTERE(………)  il mestiere del terapeuta promette di soddisfare ambedue le esigenze: la prima perché ripropone incessantemente un rapporto carico di componenti affettive (la richiesta di aiuto), la seconda perché (…) quel rapporto è congenitamente asimmetrico (….)” (è rapporto up-down)”. 

  • Carotenuto, la chiamata del Daimon, Bompiani, 1999)

 

Ipotizziamo di avere una sorgente di luce e una lente o prisma tra la l’emettitore e l’osservatore. Il raggio di luce che arriva al prisma verrà diretto in diversa misura all’osservatore in funzione della bontà di rifrazione della lente. La qualità della lente è responsabile del grado di aberrazione ovvero della quantità di luce che viene deviata rispetto all’osservatore. Potremmo ipotizzare che analogamente alla metafora, la nostra capacità di cogliere l’intensità della luce emessa dall’osservato possa essere in relazione alla bontà della nostra lente.

 

Quale aberrazione introduciamo a causa delle nostre credenze?

In questo contesto pongo una limitazione a considerare le caratteristiche delle credenze. Facendo riferimento alle considerazioni sopraesposte, i Meccanismi di Difesa o anche Resistenze al Contatto, possono essere le cause maggiormente distorcenti della rifrazione. Una relazione dai tratti rigidi o similari presente nell’imprinting potrebbe connotarsi ed evidenziarsi come una modalità di tendenza dogmatica nell’osservare il modo in cui la persona in accompagnamento si rivela. Dogmatico inteso come dògma (“decisione, giudizio”), nell’espressione di opinioni ben definite o giudizi rispetto al rivelarsi della persona accompagnata. Per quanto espresso, al “dogma” si contrappone il processo fenomenologico inteso come processo che, attraverso l’epochè (astensione dal giudizio), consente di cogliere l’essenza dei fenomeni. E’ proprio attraverso questa sospensione di giudizio che sarà possibile osservare attentamente   il modo in cui la persona si rivela attraverso la scelta delle parole, lo stile narrativo, il linguaggio corporeo, il tono della voce, il tono emozionale, e altro. Considero a questo punto come sia importante intraprendere un percorso di conoscenza di quali siano gli elementi che condizionano una persona ad attuare una risposta flessibile a una varietà di situazioni che si presentano nelle relazioni sul palcoscenico della vita.

Edit ottobre 2020

Edit    

Carissimi tutti,

Siamo tutti “” come dice Padre Dante. Un’occasione formidabile per mettere a frutto quello che ci dice anche il nostro Fritz “è nelle situazioni di strass che si mettono a prova le funzioni del sé” e … non potremmo avere occasione migliore per sperimentare: adattamento creativo, stare nel presente (specie perché programmare con dati certi è impossibile anche ai maghi …). Assumere la responsabilità condivisa di far fronte a questa emergenza, sviluppare funzioni ad-gressive propositive e non solo di proiezione sulle “colpe altrui” (della serie del letterale “dagli all’untore”), mettere in figura ciò che è essenziale lasciando il superfluo sullo sfondo, etc … etc.

Nel concreto, abbiamo due eventi importanti che ci riguardano tutti come Scuola:

  • Il Convegno del CSTG 2020 su Uno sguardo gestaltico sulla sessualità dal 9 all’ 10 ottobre 2020 presso il World Hotel Cristoforo Colombo in Corso Buenos Aires n. 3 Milano per il quale avremo la partecipazione (on line …) Brigitte Martell autrice di numerose pubblicazioni sul tema tra cui Sexualitè, amour e Gestalt e Pratiquer la sexuoterapie.  E per il quale è necessario dare comunicazione di partecipazione di persona (sino a 30 posti disponibili) o on-line con possibilità di recupero di ore curricolari comunicando a segreteria@cstg.it, 02 36741376. Per coloro che desiderano partecipare di persona si richiede la compilazione del modulo che si allegata.
  • Segue il programma definitivo che ha avuto anche il patrocinio della Federazione Italiana degli Istituti e Scuole di gestalt (FISIG).

 

  • Sessione di discussione delle tesi di fine corso che si svolgerà nella giornata dell’11.10 sempre presso la stessa sede e per la quale facciamo seguire la locandina con il nutrito elenco e la successione delle presentazioni. Questo evento ha sempre rappresentato un omento significativo della nostra Learning Community e che abitualmente si apre anche a personalmente interessate fruirne come open day o a compagni di corso, parenti o amici. Per la prevenzione Covid valgono le stesse indicazioni estese anche agli accompagnatori.
  • Grazie e conto di poter affrontare positivamente con tutti voi questa “sfida” all’adattamento creativo non privandoci di questa bella consuetudine della nostra Scuola.

 

  • Anche se nelle incertezze dei questa non facile fase, ci predisponiamo ad una “ripresa” che toccherà vari aspetti tra cui un aggiornamento del programma didattico (del quale non sappiamo ancora con certezza se sarà di ritorno alla presenza fisica …), ad una ristrutturazione di sito/i e social media, di iniziative seminariali e presentazione di libri, serate di presentazione della Scuola.

 

  • Come topic ho pensato di proporre alcvuni passaggi da un mio articolo su Il Virgilio dantesco ed altri antecedenti dello psicoterapeuta presentato una decina di anni fa ad un congresso della FIAP e che tocca il tema del Descensus ad inferos sul quale si svilupperà un workshop teorio-esperienziale a breve
  • Richiamo ancora l’attenzione sul Master sui Disturbi del Comportamento Alimentare perché è in scadenza la data di adesione per gli ultimi posti diposnibili. Considero questa iniziativa formativa di grande importanza sia per la validità del programma e la qualifica dei formatori, ma anche nella prospettiva di riprendere il Programma Corpo e Immagine che, già sperimentato in passato, vorrei comparisse tra le 4 dipendenze comportamentali sulle quali avviare dei programmi formativi e terapeutici e che sono le Addictions nel gioco d’azzardo (GAP), Internet e social, Food e … last but not least, Love … e sui quali riceverete a breve un aggiornamento a seguito del conseguimento della pratica di autorizzazione e di accreditamento da Comune, ASL e regione del Programma Residenziale Intensivo Breve (PRIB) di Orthos. Nel periodo 9-29 novembre è in programma la ripresa di un Modulo intensivo per la quale potete contattare iol sito info@orthos.biz sia per proporre l’invio di utenti che come opportunità di tirocinio.
  • Un ultimo programma residenziale al quale ho avuto modo di lavorare intensivamente con alcuni colleghi tra cui Anna Barracco, Marcello Macario e Beppe Tibaldi, direttore del dipartimento di Salute mentale di Modena che coordina un interessante gruppo collegato all’International Instytitute for Psychiatric Drug Withdrawal (vedi: IIPDW.org) che si propone di sostenere un approccio di “Open Dialogue” e di riduzione nel ricorso (spesso a senso unico) agli psicofarmaci denominato TWP (The Withdrawal Process di cui anche a https://withdrawal.theinnercompass.org e al sito di Laura Delano:

https://www.theinnercompass.org/people/laura-delano) nella prospettiva di poter avviare un progetto in tal senso che possa anche essere utilizzato come tirocinio, coloro che fossero interessati possono contattarmi.

 

  • E’ confermato lo slittamento al 2021 del Congressi della FISIG. Quello della FIAP su EVOLUZIONE E PATOLOGIA DEI LEGAMI Il contributo della psicoterapia nella società contemporanea, è stato spostato al 6 – 9 maggio 2021 Hotel Casale – Colli del Tronto (AP). Sempre a maggio dal 6 al 9 (ahimè, se non verrà cambiato …) si svolgerà anche il Congresso della FIAP e Lecce di cui vi manderemo l’aggiornamento del programma che già è stato inoltrato precedentemente. Informazione degna di nota è che la Federazione sta procedendo per ottenere il riconoscimento come Società scientifica accreditata dal MIUR:

 

  • mentre si terrà a gennaio, in data che preciseremo a breve, nella versione “mista” in presenza e on-line la National Conference FIAP, CNSP e SIPSIC su: La Psicoterapia al Tempo della Pandemia: La Salute Mentale nel Cuore della Salute Pubblica presso l’Aula Magna Sapienza Università di Roma previsto dal 23 al 5 Ottobre 2020.

  • Dal 30 ottobre al 2 novembre 2020, presso il Podere Noceto a Monteroni d’Arbia (Siena) in presenza o on-line su si terrà un incontro teorico-esperienziale sul Descensus ad inferos che, oltre ad un tema mitologico che si ritrova in diverse tradizioni, rimanda ad un percorso di morte e rinascita che, anche in senso psicologico, rimanda a quell’ineludibile passaggio esistenziale tra una prima fase “eroica” dell’esistenza alla ricerca della affermazione dell’Ego ad una che si apre al mistero del significato ultimo della nostra esistenza. Una dimensione “notturna” che evoca il tema della morte che, non solo a livello individuale, ma come umanità intera ci troviamo a affrontare nella emergenza planetaria collegata alla pandemia in corso. Una esplorazione condivisa con Colleghi anche esperti nella fisica quantistica che apre a nuove prospettive circa la corrispondenza tra dimensione materica ed “energetica”. Segue locandina in via di perfezionamento circa la successione degli interventi che prevedono, come inevitabile, sia la forma in presenza che on-line.

 

  • Il 29 novembre si svolgerà il convegno GestaltArt tra arte, terapia e neuroscienze al museo di arte moderna MART di Rovereto in collaborazione con l’Università di Trento. Una giornata di studio che riprende il tema già affrontato in occasione del Convegno del CSTG di Milano dell’anno scorso e per il quale mi è stato affidata la apertura del convegno sul tema: La morfogenesi in arte e in natura. In appendice, la locandina del programma.

 

  • Ci scusiamo per la dilazione nella uscita delle nostra Rivista Monografie di Gestalt di cui un numero in uscita a cura di SPS sul tema della Educazione è praticamente concluso, ma recupereremo con gli atti del Convegno su Gestalt e sessualità che è praticamente pronto come anche una monografia su Herbert Hoffman che molti di voi hanno conosciuto a Noceto per il suo puntuale contributo di lavoro sul sogno che ha lasciato un segno sia come persona che come professionista ed al quale ho ritenuto dovessimo il tributo di un ricordo commemorativo proporzionato al valore di questa figura interessante di archeologo-psicoterapeuta (già allievo e paziente, tra gli altri, di J. Hillman e I. Blumberg. Non ultimo dei suoi “titoli” essere stato il compagno di Ursula Corleis di cui tutti avete ammirato le sculture sia a Noceto che a Istine, questo luogo del sogno tra le colline del Chianti e che molti di voi hanno visitato in ocacsione di sessioni di Art Therapy.

 

  • A partire da ottobre si sono aperti i colloqui per le iscrizioni ai Corsi che possono essere prenotati già da ora o avvenire nella modalità on-line contattando la Segreteria. Sara, come sappiamo ormai tutti, è in dolce attesa … inoltrata ma i suoi riferimenti di telefono/email saranno comunque coperti da qualcuno che la sostituirà in questo periodo così unico e per il quale facciamo tutti un gran tifo.

 

  • Come presentazioni della Scuola abbiamo optato per alcuni open days nelle diverse sedi a cui collegare anche la presentazione dei Corsi a partire dalla possibilità di un contatto diretto con le attività formative proposte. Seguono alcune locandine che riportano alcune di queste proposte come anche un elenco delle stesse presso alcune sedi.

 

  • Nel DIARY BOARD riportiamo alcuni eventi che si sono svolti di recente come:
  • QUARTO SUMMER SCHOOL SU FISICA QUANTISTICA, PRATICHE MEDITATIVE E RELAZIONI INTERPERSONALI su: COSCIENZA E DIMENSIONE UNIFICATA DELLO SPAZIO-TEMPO. Workshop teorico-esperienziale di Quantum Psychology «Che questa vita sia solo un frammento dell’esistenza che si svolge in un universo tridimensionale disposto a tale scopo. […] o una condizione non-temporale nella quale presente, passato e futuro sono una cosa sola»G.Jung, di cui segue programma. Nella mia introduzione al Seminario che, a partire da quest’anno, è proseguito con il Summer School dell’Università di Pisa su “Consciousness and Cognition” ho presentato il “Carteggio Jung e Pauli”  come paradigma di incontro tra Fisica e Psicologia nella dimensione dei quanti a seguito delle 80 lettere scambiate tra il 1932 e il 1957 e nelle quali vengono riferiti oltre mille sogni che Wolfgang Pauli, uno dei principali fisici della meccanica quantistica insignito del premio Nobel nel 1945, ebbe l’opportunità di condividere con Carl Gustav Jung testimoniano lo straordinario percorso di ricerca (iniziato come relazione terapeutica e proseguito come collaborazione sino alla morte dello stesso Pauli quando Jung aveva 80 anni) ed avente per tema conduttore le relazioni tra fisica quantistica e psicologia.

  • -Per la prima volta in venti anni (anzi, 19) non ha potuto aver luogo quest’anno la XX Periegesi. Dove nascono gli dei. Viaggi di studio in Grecia sulle tracce di Pausania. Ci auguriamo di aver solo dilazionato all’anno prossimo la giornata di studio sulla oniromanzia presso l’asclepeion di Oropos dedicato ad Anfiarao, che della oniromanzia era considerato in Grecia il fondatore, oltre che l’iniziativa che intende ripercorrere le tappe della jara odos (via sacra) che da Atene conduce ad Eleusi dove per oltre un millennio si sono celebrati i Grandi Misteri in onore di Demetra e Persefone come metafora di un percorso di iniziazione alla ricerca del fine ultimo (telos) sulla quale ho tuttavia inviato una NEWS a fine estate.Il programma definitivo verrà comunicato a breve e comparirà sul sito periegesi.it dove viene riportata la descrizione dei 20 viaggi di studio che ha raccolti ricercatori appassionati alle cultura greca e che attualmente è tornata di grande attualità in tema di riscoperta del valore del racconto mitico.   Analoga dilazione è prevista per la Giornata di studi su Dioniso e il suo eterno ritorno che, come da anni, si svolgerà in concomitanza con le rappresentazioni tragiche nel teatro di Siracusa.
  • Come corredo fotografico riporto alcuni “haiga” che si ispirano alla tradizione giapponese di associare componimenti haiku a immagini tratti da una escursione sul tema di ArteNatura fatta sulla spiaggia libera della Foce di Ombrone con gli allievi del 4° anno di psicoterapia di questa estate.

 

Grazie e buona lettura da Riccardo Zerbetto e tutti noi del CSTG con gli auguri per una Buona Ripresa!

 

Risonanze

“Io” dici tu, e sei orgoglioso di questa parola. Ma la cosa ancora più grande, cui tu non vuoi credere, – il tuo corpo e la sua grande ragione: essa non dice “io”, ma fa “io”.

Strumenti e giocattoli sono il senso e lo spirito: ma dietro di loro sta ancora il Sé. Il Sé cerca anche con gli occhi dei sensi, ascolta anche con gli orecchi dello spirito.

Sempre il Sé ascolta e cerca. Esso compara, costringe, conquista, distrugge. Esso domina ed È il signore anche dell’io. Dietro i tuoi pensieri e sentimenti, fratello, sta un possente sovrano, un saggio ignoto – che si chiama Sé. Abita nel tuo corpo, È il tuo corpo. Vi È più ragione nel tuo corpo che nella tua migliore saggezza.

 

  1. Nietzsche, Così parlò Zarathustra, in Opere volume VI, tomo I, pp. 34-35 (Adelphi, 1968)

 

Pensare all’’istinto’ in termini di sesso e aggressività È un errore, perché non ci dice nulla sul significato più importante della funzione istintiva, che È precisamente la saggezza dell’organismo: la funzione di autoregolazione essenziale alla vita a qualsiasi livello. Poiché lo studio dell’istinto negli animali inferiori ha spinto gli psicologi a usare il termine meno di quanto lo fosse ai tempi di Freud, il concetto di ‘autoregolazione dell’organismo’, più aderente alla nostra età cibernetica, È diventato prevalente nelle discussioni contemporanee sulla terapia. Può essere considerata l’espressione abbreviata di un concetto più ampio che comporta non solo l’autoregolazione, ma anche la creatività e l’omeostasi; cioÈ, più precisamente, l’autoregolazione adattiva e creativa. Immaginiamo l’autoregolazione dell’organismo come modus operandi di tutto il sistema corpo-mente quando È l’organismo nel suo complesso a controllare il tutto.

 

  1. Naranjo, La via del silenzio e la via delle parole, p. 52 (Astrolabio, 1999)

 

Se pensiamo che all’epoca in cui Nietzsche componeva lo Zarathustra, ossia nell’ottavo decennio dell’Ottocento, nella filosofia occidentale dominava ancora la concezione dicotomica di matrice cartesiana che tendeva a separare la mente dal corpo, restiamo stupiti e ammirati di come, con la formulazione che qui presento, il pensatore tedesco avesse precorso i tempi, pervenendo a una visione che avrebbe trovato conferma circa un secolo dopo, grazie ai risultati ottenuti dal progresso delle ricerche scientifiche. Il passo di Naranjo, che opportunamente fa riferimento alla cibernetica, corrisponde bene al senso del suggestivo dettato nietzschiano e ne attualizza il contenuto declinandolo validamente nell’ambito della teoria e della pratica psicologica.

La parentela orientale della Gestalt

Dare Corpo

 A cura di Giovanni Montani

Con questo numero riprende la pubblicazione su questa rivista della rubrica sulla consapevolezza corporea e le connessioni della Gestalt con altre discipline.

 

La parentela orientale della Gestalt

Dalla lettura del libro “La Gestalt, terapia del con-tatto emotivo” di Serge Ginger

A cura di Valter Mader

 

“E’ probabilmente vero in linea di massima che della storia del pensiero umano gli sviluppi più fruttuosi si verificano spesso ai punti d’interferenza tra due diverse linee di pensiero. Queste linee possono avere le radici in parti assolutamente diverse della cultura umana, in tempi diversi e in ambienti culturali diversi o di diverse tradizioni religiose; perciò, se esse realmente si incontrano, cioè, se vengono a trovarsi in rapporti sufficientemente stretti da dare origine a un’effettiva interazione, si può sperare allora che possano seguirne nuovi e interessanti sviluppi.”

Werner Heisenberg

 

Spesso è attribuito a Perls che abbia attinto molto alle filosofie orientali, ma ben di rado si precisa esattamente che cosa. È più probabile invece riscontrare delle affinità tra la filosofia gestaltista sviluppata da Perls e il pensiero orientale. È proprio quel pensiero orientale di storia millenaria che sta dimostrando la piena attualità anche nella storia occidentale.

 

La caratteristica più importante della concezione del mondo orientale è la consapevolezza dell’unità e della mutua interrelazione di tutte le cose e di tutti gli eventi, la constatazione che tutti i fenomeni nel mondo sono manifestazioni di una fondamentale unicità.

Tutte le cose sono viste come parti interdipendenti e inseparabili di questo “tutto” cosmico, come differenti manifestazioni della stessa realtà ultima. Le tradizioni orientali si riferiscono costantemente a questa realtà ultima, indivisibile, che si manifesta in tutte le cose e della quale tutte le cose sono parte.

Essa è chiamata Brahman nell’Induismo, Dharmakàya nel Buddhismo, Tao nel Taoismo. Poichè trascende tutti i concetti e tutte le categorie, i Buddhisti la chiamano anche Tahatà o Essenza assoluta: “Ciò che l’animo percepisce come essenza assoluta è l’unicità della totalità di tutte le cose, il grande tutto che tutto comprende”.

La fondamentale unicità dell’universo non è solo la caratteristica principale dell’esperienza mistica ma è anche una delle più importanti rivelazioni della fisica moderna.

 

 

Il Tao della fisica

 

  1. Capra (Tao della fisica) osserva che l’atteggiamento di gran parte degli scienziati è ancora troppo yang cioè troppo razionale, maschile e aggressivo. Molti di loro sostengono attivamente una società che è ancora basata su una concezione del mondo meccanicista e frammentaria, che ha ancora radici forti nei concetti più solidi e classici, quali quelli della materia, dell’oggetto, dello spazio, del tempo, della causa/effetto, etc.

La fondamentale unicità dell’universo è una delle più importanti rivelazioni della fisica moderna. Essa diviene evidente a livello atomico e si manifesta tanto più chiaramente quanto più si penetra in profondità nella materia, fino al mondo delle particelle subatomiche.

Studiando i vari modelli della fisica subatomica si vede che essi esprimono ripetutamente, in modi diversi, la stessa intuizione: i costituenti della materia e i fenomeni fondamentali ai quali essi prendono parte sono tutti in rapporto reciproco, interconnessi e interdipendenti; non possono essere compresi come entità isolate, ma solo come parti integrate del tutto. Dal pensiero tradizionale dei mistici orientali essi non hanno mai dissociato lo spirito dalla materia, hanno invece sempre percepito tutti gli aspetti differenti, ma strettamente interdipendenti, di una realtà dinamica, ultima “eternamente in movimento, via organica, contemporaneamente spirituale e materiale” ( F. Capra).

 

Olismo: teoria biologica generale derivata dal vitalismo, proposto negli anni Venti in contrapposizione al meccanicismo, secondo la quale le manifestazioni vitali degli organismi devono essere interpretate sulla base delle interrelazioni e delle interdipendenze funzionali tra le parti che compongono l’individuo, il quale nel suo complesso presenta caratteristiche proprie, non riconducibili alla somma delle sue parti.

 

Partendo da questa definizione, osserviamo come la visione olistica della gestalt si inscrive in tutta evidenza in questo tipo di percezione del mondo in cui ciò che interessa al terapeuta non è mai l’indizio isolato, il gesto o la parola, ma è piuttosto la interconnessione permanente dell’individuo globale con il suo ambiente generale, sociale e cosmico. Il tutto immerso in un flusso incessante, che è possibile apprendere attraverso una vigilanza attimo per attimo, sul qui ed ora che si svolge con il suo corteo ininterrotto di Gestalt che si formano, si realizzano e si dissolvono in un processo di perpetua turbolenza. I più grandi fisici contemporanei, alcuni anni dopo i fenomenologi e i Gestaltisti, ritrovano così dei temi cari ai cinesi dell’antichità e sanno adesso che non esiste in natura, alcun fenomeno materiale indipendente dal pensiero e dallo sguardo dell’uomo: viene così a cadere la figura dell’osservatore neutro e obiettivo.

Nella fisica atomica, lo scienziato non può assumere il ruolo di osservatore distaccato e obiettivo ma viene coinvolto nel mondo che osserva fino al punto di influire sulle proprietà degli oggetti osservati. John Wheeler considera questo coinvolgimento dell’osservatore come l’aspetto più importante della meccanica quantistica e ha quindi suggerito di sostituire il termine “osservatore” con “partecipatore”.

”Nel principio quantistico nulla è più importante di questo fatto, e cioè che esso distrugge il concetto di mondo inteso come <<qualcosa che sta fuori di qui>> con l’osservatore a distanza di sicurezza, separato da esso da lastre di vetro spesse venti centimetri. Anche quando osserva un oggetto così minuscolo come un elettrone, l’osservatore deve spaccare il vetro: deve entrare, deve installare il dispositivo di misura che ha scelto……La misurazione cambia lo stato dell’elettrone. Dopo, l’universo non sarà mai più lo stesso. Per descrivere ciò che è accaduto, bisogna eliminare la vecchia parola <<osservatore>> e sostituirla con il nuovo termine <<partecipatore>>”

  1. Wheeler

 

E’ questa anche l’opzione deliberatamente scelta dal terapeuta gestaltista di fronte al suo cliente, del quale egli non osserva il comportamento “in sé”, ma con il quale entra in interrelazione, esplicita o implicita, con coinvolgimento controllato, in uno spazio occupato dagli intrecci dell”Io-Tu” di Buber, anch’essi coinvolti nell’ ”Io-Quello” dell’universo.

Il tema gestaltista del continuum di coscienza e della “successione delle gestalt”, apparizione e sparizione di figure su uno sfondo, richiama quello del mondo fluido in permanente trasformazione, simboleggiato dal Yi-King, il Libro delle metamorfosi cinese.

L’analisi meccanicista di tipo newtoniano, che era ritenuta l’unica scientifica, ha perso quella centralità “scientifica” che era stata costruita a partire da un insieme di entità basilari dotate di certe proprietà fondamentali, che erano state create da Dio e quindi non potevano essere ulteriormente analizzate. La nozione di leggi fondamentali della natura fu una conseguenza della fede di un legislatore divino che era profondamente radicata nella tradizione giudaico cristiana. Come dice Tommaso d’Aquino: “C’è una Legge eterna, cioè la Ragione, che esiste nella mente di Dio e che governa l’intero Universo”.

Quest’idea di una legge divina ed eterna della natura influenzò grandemente la filosofia e la scienza occidentale. Tuttavia, nella fisica delle particelle è presente una scuola di pensiero radicalmente diversa, che parte dall’idea che la natura non possa essere ridotta a entità fondamentali, quali le particelle elementari o i campo fondamentali.

La natura deve essere compresa interamente attraverso la sua coerenza interna o “autocoerenza”, cioè ricercando la coerenza dei suoi componenti ognuno con se stesso e reciprocamente tra di loro. Questa idea è nota come l’ipotesi del bootstrap. (Nel contesto della fisica delle particelle, esso indica una situazione in cui un’entità si regge sulla sua coerenza interna e riassunta in fisica da F. Capra).

Nell’universo in continuo cambiamento, “ogni cosa è collegata con tutte le altre”, in cui” se si considera una qualsiasi porzione le sue proprietà non obbediscono ad alcuna legge fondamentale, ma sono determinate dalle proprietà di tutte le altre”.

L’Autore, tuttavia precisa che la maggior parte dei ricercatori scientifici hanno comunque presentito questo stato di cose: lo stesso Newton pur da posizioni “di concezione meccanicista dei fenomeni che sono presenti nel mondo” ha scritto di più sull’alchimia che sulla meccanica e l’ottica insieme. Prosegue poi, riportando una dichiarazione di Freud, nel 1921, in cui asserisce che se avesse potuto riprogettare la sua vita, l’avrebbe consacrata allo studio dei fenomeni occulti. Pare inoltre che lo stesso Einstein si sia interessato moltissimo ai fenomeni cosiddetti paranormali e alla parapsicologia, al punto di scrivere la prefazione a un libro di Upton Sinclair sulla telepatia (Mental Radio).

L’Autore conclude quindi asserendo che giocoforza è importante percorrere la strada dell’apprendimento globale, sintetico dei fenomeni, attraverso l’esperienza della intuizione, con l’approvazione poetica dell’emisfero destro, e non sotto la rigida sorveglianza sospettosa e tirannica dell’emisfero sinistro, avido di classificazioni ormai obsolete. E a questo proposito: Hubert Reeves, Direttore delle ricerche al C.N.R.S. e all’Istituto di astrofisica:

“L’uomo antico parlava a un universo che gli rispondeva. La scienza pretende oggi che l’universo sia vuoto e muto…..Personalmente io non credo che l’universo sia muto, credo piuttosto che la scienza sia dura d’orecchio.

E’ tuttavia notevole il fatto che siano i fisici, che rappresentano così tipicamente la punta della legione razionalista, ad aver avvertito per primi questo disagio al livello del loro stesso procedere. Ai biologi che dicono loro:” Aiutateci a trovare all’interno dell’elettrone le radici della coscienza”, i fisici oggi rispondono:” Ma noi siamo impegnati a cercare le radici dell’elettrone all’interno della coscienza…”.

 

(…..) Ciò che occorre, oggi come oggi, è riconciliare dentro di noi questi due modi di procedere; non negarne uno a favore dell’altro ma fare in modo che l’occhio che scruta, che analizza e che disseziona, viva in armonia e in intelligenza con quello che contempla e che venera (…). Occorre dunque che apprendiamo a vivere ora praticando contemporaneamente la scienza e la poesia, dobbiamo cioè imparare a tenere entrambi gli occhi aperti contemporaneamente”.

 

 

Il Tao

 

Le due principali tendenze del pensiero cinese, il Taoismo e il Confucianesimo, possono rappresentare l’interazione dinamica delle polarità opposte, yin e yang, dove rispettivamente il Taoismo dà importanza a tutto ciò che è intuitivo, femminile, mistico e arrendevole, mentre il Confucianesimo è razionale, maschile, attivo e dominatore. I Taoisti erano convinti che, mettendo in primo piano le caratteristiche femminili, arrendevoli della natura umana, fosse facilissimo condurre una vita perfettamente equilibrata in armonia con il Tao. Riconoscendo i limiti e la relatività del mondo del pensiero razionale, il Taoismo è, fondamentalmente, una via di liberazione da questo mondo, ed è paragonabile, sotto questo punto di vista, alle vie dello Yoga o del Vedanta nell’Induismo. Il libro di Chuang-tzu è pieni di passi che riflettono il disprezzo dei Taoisti per il ragionamento e l’argomento logico. Ad esempio:

“Un cane non viene considerato valente perchè è bravo ad abbaiare, un uomo non viene considerato eccellente perchè è bravo a parlare”.

 

I Taoisti consideravano il ragionamento logico come parte del mondo artificiale dell’uomo, insieme con le convenzioni sociali e con le regole morali. I Taoisti interpretarono tutti i mutamenti della natura come manifestazioni dell’interazione dinamica tra i poli opposti yin e yang, e giunsero quindi di ritenere che ogni coppia di opposti costituisce una relazione polare in cui ciascuno dei due poli è legato dinamicamente all’altro. Per la mente occidentale, questa idea dell’implicita unita di tutti gli opposti è estremamente difficile da accettare.

È la relazione polare tra tutti gli opposti ed è la base stessa del pensiero taoista. Chang-tzu afferma:

L’”io” è anche l’”altro”, l’”altro” è anche l’”io”. Che l’”io” e l’”altro” non siano in contrapposizione è la vera essenza del Tao….E’ il centro del cerchio che risponde ai mutamenti perenni”.

 

Dall’idea che i movimenti del Tao sono una continua interazione tra opposti, i Taoisti dedussero due regole fondamentali per la condotta umana. Ogni qualvolta che si vuole ottenere una cosa, bisogna iniziare dal suo opposto. Ecco che cosa dice Lao-tzu:

  • Se si vuole restringere, bisogna (innanzitutto) estendere
  • Se si vuole indebolire, bisogna (innanzitutto) rafforzare
  • Se si vuole far perire, bisogna (innanzitutto) far fiorire
  • Se si vuole prendere possesso, bisogna (innanzitutto) offrire

 

Questo è ciò che si chiama una visione sottile.

Le più volte citate polarità degli opposti yin e yang, sono rappresentate nella configurazione più classica, dall’antico simbolo cinese chiamato Tai-chi T’u. Questo diagramma è una disposizione simmetrica dell’oscuro yin e del luminoso yang, m la simmetria non È statica. E’ una simmetria rotazionale che richiama alla mente un movimento ciclico continuo: “Lo yang ritorna ciclicamente alle sue origini, lo yin raggiunge il suo massimo e lascia il posto allo yang”.

Il tema delle polarità opposte e complementari (maschile/femminile, autonomia/dipendenza, aggressività/tenerezza, perfezionismo/lassismo etc.) viene frequentemente elaborato in Gestalt.

Il Taoista venera il corpo che è considerato come la casa dello spirito. Lo spirito armonioso può alloggiare in un corpo armonioso, per cui il Taoista è alla ricerca di pratiche vivificanti del corpo che alloggi lo spirito. Tutto ciò scaturisce dalla continua osservazione della natura nei suoi mutamenti, nel qui ed ora, e per quanto concerne la Gestalt, si può far discendere la parentela stretta di questi concetti con:

  • l’espressione libera e spontanea, nel senso di <<ciò che viene>>
  • l’importanza del corpo come dimora dello spirito
  • la liberazione rispetto alle introiezioni moralistiche, del tipo “si deve”
  • il lavoro di integrazione delle polarità opposte
  • la concentrazione sul qui ed ora
  • la “teoria paradossale del cambiamento” (Beisser 1970), che implica, in un primo tempo, l’accettazione di ciò che si è
  • il principio del continuum di coscienza, flusso permanente di costruzione e distruzione di Gestalt

 

Il Taoismo valorizza l’incompiuto considerando che tutto ciò che è imperfetto mobilita il cambiamento, mentre la Gestalt indaga proprio sulle interruzione del ciclo della Gestalt.

 

 

Il Tantrismo

Il Buddismo Vajrayana o tantrismo ricerca l’illuminazione (il satori) <<qui ed ora>>. Il Buddha non era interessato a soddisfare la curiosità umana sull’origine del mondo, sulla natura del Divino, ma si preoccupò unicamente della condizione umana, delle sofferenze e delle frustrazioni degli esseri umani. La sua dottrina, perciò, non è una metafisica, ma una psicoterapia. Il tantrismo si appoggia su un grande numero di supporti sensoriali:

  • gli yantras, rappresentazioni lineari geometriche del Cosmo
  • i mantras, sillabe o suoni rituali, vibrazioni sacre: OM etc.
  • i mandala, composizioni grafiche più complesse a base circolare, spesso contenute in un quadrato, utilizzate come supporti simbolici all’istruzione e alla meditazione
  • i mudras, gesti rituali sacri, spesso compiuti con le mani

 

Il metodo tantrico ha una grande originalità: la ricchezza di tecniche per utilizzare ai propri fini qualsiasi cosa, buona o cattiva che sia. Similmente alle arti marziali orientali tipo judò, tai chi, il peso dell’antagonista (l’ostacolo), è trasformato in strumento per fornire il prodigioso slancio che è necessario. La condotta di un adepto sarà indubbiamente poco ortodossa: ben deciso ad utilizzare tutto nella vita come mezzo di realizzazione, egli infatti non esclude i processi animali quali il mangiare, il dormire, l’evacuare, e (se non è monaco) l’avere dei rapporti sessuali. L’energia dei desideri e delle passioni non deve andare perduta (….)

Questo aspetto del buddismo tantrico ha condotto al grande errore di confonderlo con la licenziosità dei costumi. Per quanto qualsiasi cosa possa servire come un mezzo, tuttavia essa deve comunque essere impiegata nella maniera giusta. Il simbolismo sessuale tantrico deve essere interpretato come una sincera accettazione del sesso in quanto la più potente di tutte le forze che motivano gli esseri viventi…Esso simboleggia l’unione degli opposti, la dottrina che costituisce la base dell’itero sistema tantrico” John Blofeld. Vengono così risvegliate tutte le energie disponibili nel corpo, nelle emozioni e nello spirito. Come nella Gestalt. Ancora da J. Blofeld:

“I Buddisti decisi a seguire il cammino della liberazione si preoccupano più dei “come” della pratica che dei “perchè” dell’esistenza.” Perls dice che se il paziente viene invitato a fornire i perchè delle sue problematiche, rafforza le cause della sua nevrosi. E’ invece utile per esso scoprire sul come si muove nella vita”

 

 

Lo Zen

 

Quando il pensiero cinese entrò in contatto con quello indiano attraverso il Buddhismo, intorno al primo secolo d.C., si ebbero due sviluppi paralleli. Da una parte, la traduzione dei sutra buddhisti stimolò i pensatori cinesi e li portò a interpretare gli insegnamenti del Buddha indiano alla luce delle loro filosofie. Il lato pragmatico della mentalità cinese rispose al forte influsso del Buddhismo indiano con la tendenza a privilegiarne gli aspetti pratici; si sviluppo così un tipo particolare di disciplina spirituale che fu chiamata Ch’an, termine tradotto comunemente meditazione.

Intorno al 1200 d.C. questa filosofia CH’an fu infine recepita dal Giappone e qui col nome di zen è stata coltivata, come tradizione viva fino ai giorni nostri. Lo zen è quindi una mescolanza singolare delle filosofie e delle specificità di tre culture differenti.

È un modo di vita tipicamente giapponese e tuttavia riflette il misticismo dell’India, l’amore dei Taoisti per la naturalezza e la spontaneità e il profondo pragmatismo della mentalità confuciana. Lo scopo essenziale dell’esperienza dello zen è quello del Buddha stesso: raggiungere l’illuminazione, esperienza che nello Zen è chiamata satori. In un riassunto classico di quattro righe, lo Zen è definito:

Una trasmissione speciale al di fuori delle scritture,

Che non si basa su parole e lettere,

Ma punta direttamente alla mente dell’uomo,

Che vede nella propria natura e raggiunge la buddhità

 

Nei vari esempi delle conversazioni, il maestro parla il meno possibile e usa le sue parole per spostare l’attenzione dell’allievo dai pensieri astratti alla realtà concreta. L’illuminazione, nello Zen, non significa ritiro dal mondo ma, al contrario, significa partecipazione attiva alle attività quotidiane. I maestri cinesi misero sempre in rilievo che il Ch’an o Zen, è la nostra esperienza quotidiana come affermava Ma-tzu e sottolineavano che il risveglio deve avvenire durante le attività della vita quotidiana e affermavano che quest’ultima non era per loro solo la via all’illuminazione ma l’illuminazione stessa. Vivendo interamente nel presente e prestando piena attenzione alle attività quotidiane, che ha raggiunto il satori sente il prodigio e il mistero della vita in ogni singolo atto:

Com’è mirabile ciò, comè misterioso!

Io trasporto legna da ardere, io attingo l’acqua

 

La perfezione Zen consiste dunque nel vivere la propria vita quotidiana in maniera naturale e spontanea. Quando fu chiesto a Po-chang di definire lo Zen, egli disse: “Quando ho fame mangio, quando sono stanco dormo”.

Quindi riacquistare la spontaneità della nostra natura originaria. Il grande rilievo che lo Zen dà alla naturalezza e alla spontaneità ne rivela in maniera chiara la matrice taoista: c’è però alla base un elemento rigorosamente buddhista, cioè la convinzione che la nostra natura originaria sia perfetta e che il processo e che il processo di illuminazione consista semplicemente nel diventare ciò che siamo fin dall’inizio. (Paradosso del cambiamento, Beisser 1970).

L’Autore cerca di analizzare eventuali differenze tra lo Zen e la Gestalt, e sostanzialmente ne evidenzia tre:

  • il percorso Zen è difficilmente concepibile senza il supporto di un Maestro per cui comprende un periodo di sottomissione totale all’autorità, anche se sia scritto per i discepoli più avanzati “Se incontri Buddha sulla tua strada uccidilo”, costituisce una messa in guardia contro la introiezione di un qualsiasi modello. Il processo della Gestalt implica, in linea di principio, l’assunzione di responsabilità autonoma da parte del cliente e ciò fin dall’inizio.
  • Lo Zen insiste sulla ricchezza della immobilità (equilibrio dinamico dello zazen), mentre la Gestalt valorizza decisamente il movimento.

La pratica dello Zen richiede una disciplina assidua- anche se mira in un ultimo luogo a mollare la presa-e un abbandono dell’ego, mentre la Gestalt autorizza qualche volta un certo edonismo, potendo anche attraversare eventualmente dei periodi di egotismo

Play Therapy

Dedichiamo il contributo di questo mese al Convegno on-line che si è svolto su questo tema in 4 pomeriggi dei giorni 21-24 maggio e per il quale è allo studio la versione acquistabile presso www.PsyEventi.it.

Un tema di grande importanza … da che mondo è mondo se, come si diceva nella presentazioneL’uomo gioca e gioca da sempre. O almeno da quando, distinguendosi dagli altri primati, diventa uomo” come ci ricorda Huizinga nel suo Homo Ludens  “La “civiltà umana  sorge e si sviluppa nel gioco, come gioco”. Una  posizione forse estrema, come ha commentato lo scrivente in apertura del Convegno e che forse sottovaluta gli aspetti del gioco collegati al bisogno di crearsi una “rappresentazione del mondo” di cui gli esseri viventi, in particolare più evoluti, hanno bisogno per elaborare strategie di caccia o comunque di sopravvivenza in un mondo meraviglioso quanto complesso nel quale, come direbbe Kipling “vuoi che tu nasca leone o gazzella non è facile arrivare a sera vivi se non mettendocela tutta”. Ma è anche vero che noi colleghiamo l’idea del gioco ad una attività non legata alla “necessità”, come il lavoro (echeggiando la condanna biblica per la quale “guadagneremo il pane con il sudore della fronte” ma ad una attività che, seppure possa assorbire tutta la nostra attenzione e creatività, è improntata ad un elemento di libertà e di “gratuità”.  Tema questo che fa mettere in discussione il fatto che il “gambling”, collegato ad una scommessa in denaro (che spesso ne rappresenta una delle motivazioni primarie), possa legittimamente essere incluso nelle attività propriamente “giocose”. Resta comunque caratterizzante il forte “assorbimento”, in certi casi una vera “possessione” per dirla con un grande studioso dell’argomento, Frobenius, che sottolinea come “nei popoli, come nei bambini e in ogni uomo creativo, il dare forma nasce dalla ergriffenheit. Come appunto giocano per antonomasia i bambini che lo fanno in modo creativo, leggero, intenso, totale “seriallegro” (spoudogeloios in greco, come sono gli dei).  

In una società che ci libera dalla dura schiavitù della condanna ai “lavori forzati” per la sopravvivere e che ci permette di avere più tempo “libero” (otium per i Romani) da dedicare alla vita interiore o ad attività non direttamente produttive e remunerative l’uomo “giocatore” si presenta quindi come “l’apice dell’evoluzione culturale” se per gioco si intende, con H. Rahner “un’attività spirituale e fisica tipica dell’uomo, l’espressione ben riuscita di una capacità spirituale interiore che si manifesta nel gesto fisico visibile, nel suono udibile e nella materia palpabile. In questo senso il gioco non è altro che l’esercitarsi dello spirito a diventare corpo”. Di qui anche la creazione artistica ed anche lo stesso gioco amoroso – quello di cui ci parla Ovidio nella Ars amandi”, pieno di imprevisto, di rischio, di sorpresa e di inesauribile novità.  riservata ad una aristocrazia che si permetteva il lusso di intrecciare storie di seduzione amorosa ormai svincolate dagli aspetti “contrattuali” delle relazione concordate e di potere, Di qui la elaborazione fantasociologica di Herman Hesse che nel suo Il gioco delle perle di vetro immagina una umanità impegnata in un gioco planetario il cui unico “serto, come quello di alloro nei giochi olimpici, non ha valore economico ma puramente simbolico. Ma già constatiamo una anticipazione di questa evoluzione anche nei grandi “giochi olimpici” o più ancora nel campionato mondiale di calcio o di Formula 1 che attrae attorno ad un televisore simultaneamente miliardi di esseri umani in una appassionata condivisione di intenti.

Si sono confrontati su questi temi alcuni studiosi “appassionati di gioco” condividendo contributi tratti dalla loro esperienza personale e professionale come:

Riccardo Zerbetto, psichiatra e psicoterapeuta cofondatore di Alea-Associazione per lo studio del gioco d’azzardo che si è interessato di programmi innovativi per giocatori compulsivi (www.Orthos.biz) e impegnato in una prospettiva di valorizzazione del gioco per adulti nelle tante versioni dell’Entertainment con una relazione su: Il gioco che ammala e il gioco che guarisce: tra Gambling, Playing and Entertainment che ha esplorato la possibilità che, tenuto anche conto delle frequenti limitazioni alla promozione del gioco con denaro a livello nazionale e locale con conseguente perdita potenziale di occupazione per addetti al settore, lo stesso possa esplorare una più ampia gamma di attività ludiche seppure non strettamente vincolate alle vincite in denaro

Romano Madera, già professore ordinario di filosofia morale e pratiche filosofiche all’Università di MIlano Bicocca, fondatore di Philo-pratiche filosofiche e di SABOF (società di analisi biografica a orientamento filosofico). socio dell’AIPA e del LAI  con una relazione su Il Gioco della Sabbia in analisi. Una tecnica attualmente molto diffusa in psicoterapia che consente di andare oltre la dimensione dialogico-verbale, attingendo ad un “serbatoio delle immagini” da cui poter allargare l’orizzonte esistenziale e di esplorazione del proprio mondo interiore.

Ugo Volli, già professore ordinario di Semiotica del testo presso l’Università di Torino, oggi professore onorario presso la stessa università. Direttore di “Lexia”, rivista internazionale di studi semiotici, professore a contratto presso l’Accademia di Brera e l’Università di San Marino con una relazione su Gioco e gioia. Quel che ci dicono le parole con un approfondimento molto ampio sulle redici semantiche delle parole collegate alla attività ludica nelle sue varie forme e idiomi, antichi e attuali, che ci permettono di spaziare sulla incredibile molteplicità dei significati a cui ci rimanda la attività ludica nel suo insieme e nel suo continuo evolversi.

Giandomenico Bagatin, psicoterapeuta e rappresentante in Europa della Gestalt Play Therapy che ha introdotto sulle tecniche più avanzate di utilizzo delle attività di gioco applicate all’infanzia ma anche a quell’eterno fanciullo che sopravvive in ciascuno di noi e che certo fa “nutrito” di stimoli e di occasioni creative per non sclerotizzarsi nella routine di forme di vita monotone e ripetitive.

Oltre a contributi di esperienze innovative nel campo delle attività ludiche nell’infanzia e nell’età adulta con implicazioni didattico-evolutive e/o specificamente terapeutiche

Sono seguiti approfondimenti specifici a partire da quello di Alessio Crisantemi che ha presentato il fenomeno della riscoperta del flipper come ambito di competizione sportiva anche internazionale, che vanta per inciso una gloria italiana, e nel quale si combina potenzialmente l’interesse condiviso di nonni e nipoti su un elemento aggregante al confine tra passato e potenziale futuro. A seguire Ilaria Caelli sulla “clown terapia”, Mario Polito, conosciuto esperto di attività ludico-didattiche nella scuola, di Dania Vallini nella applicazione ad ambiti problematici e di operatori del Programma Orthos, Marie Ange Guisolan e Daniel Brioschi (che ringrazio a nome di tutti anche per il sostegno tecnico alla realizzazione del Convegno on-line) che dedicano parte del programma terapeutico stesso a forme di gioco che non comportino il binomio alea-denaro ma improntati più alla competizione e allo stimolo immaginativo.

Vedi Programma e possibilità di adesione a: https://www.webex.com/downloads.html per Windows   e a  https://apps.apple.com/it/app/cisco-webex-meetings/id298844386 per Mac

MASTER SUI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

L’AIRP (Associazione Italiana Ricerca Psicosomatica), in collaborazione con il CSTG, promuove per l’anno 2021 un Master ad approccio multidisciplinare teorico-clinico sui Disturbi Alimentari dell’infanzia, adolescenza e dell’età adulta. Seguendo i tratti essenziali del registro psicodinamico i discenti verranno accompagnati in un viaggio alla scoperta dei diversi orientamenti in psicoterapia e, con sguardo sistemico-relazionale, attraverseranno i territori del modello Cognitivo-Comportamentale, Gestaltico, Bioenergetico e Umanistico-Esistenziale.

Il Master è strutturato in 10 giornate istruttive per un totale di 77 ore di formazione. Come da programma l’attività delle prime 6 giornate si svolgerà presso la sede Airp a Livorno e, dal 17 al 19 settembre, con Modulo esperienziale out-door presso il Podere Noceto nella splendida campagna senese. Il Corso si articolerà in lezioni teorico-didattiche con svolgimento la mattina ed esercitazioni su casi clinici e supervisioni nel pomeriggio. Ad ogni incontro sarà dedicato un breve spazio (30 minuti) di insegnamento alla pratica meditativa secondo la tradizione Buddista Tibetana.
Il diploma di Master viene rilasciato dopo presentazione di una tesi, in accordo con il Direttore del corso. I corsisti animati dalla voglia di mettersi in gioco saranno chiamati a condividere in percorsi di integrazione il loro sapere, la loro passione e competenza. Interfacciandosi nella gestione di casi clinici diverranno i “ricercatori” nella e della produzione di nuove ipotesi di lettura, di visioni e di strumenti innovativi finalizzati ad accogliere, accompagnare e curare con la massima efficacia possibile, ciascuna persona immersa nella sua storia e nel suo contesto di vita relazionale personale, familiare e sociale.

FINALITÀ: L’offerta formativa si propone di coniugare formazione, ricerca e preparazione dei professionisti della salute attraverso la costruzione di un linguaggio condiviso frutto di un sapiente approfondimento tra stili e approcci teorico-clinici diversi. L’obiettivo finale è pertanto l’acquisizione e/o potenziamento delle abilità e competenze nell’utilizzo degli strumenti fondamentali della promozione della salute, prevenzione, diagnosi, trattamento, cura e riabilitazione dei disturbi alimentari infanto-adolescenziali e dell’età adulta.

OBIETTIVI: Rivolgendo una particolare attenzione al modello psicodinamico, l’obiettivo perseguito è quello di formare i diversi professionisti della salute al dialogo e al confronto inclusivo fra le diverse discipline secondo il dettato delle Linee Guida internazionali, che indicano quale fattore principale di successo di ogni percorso terapeutico nella prevenzione, cura e riabilitazione dei Disturbi Alimentari, il trattamento integrato e multidisciplinare.

MODALITÀ OPERATIVA: Lezioni frontali e interattive. La parte teorica del Master (all’occorrenza) sarà garantita anche in modalità online. Sarà favorito un vero e proprio work in progress partecipativo. Gli argomenti saranno integrati con riflessioni, approfondimenti e posti a confronto con esperienze cliniche tra colleghi partecipanti supervisionati. Presentazione, discussione e supervisione a piccoli gruppi di casi clinici in ambito DCA e in quello delle dipendenze in generale, presentati dai docenti o portati dai corsisti. L’approccio multidisciplinare teorico-clinico ed esperienziale permetterà ai discenti di esperire come il confronto fra le diverse discipline non generi contraddizione l’un l’altra, anzi come sia possibile, attraverso una collaborazione tra i diversi approcci, accedere ad una conoscenza più ampia e completa, a un’arte terapeutica efficace dove, secondo il pensiero di Carl Gustav Jung, determinante è la relazione e l’equazione personale del terapeuta.

DESTINATARI: Il corso si rivolge a quanti operano o desiderano operare nell’ambito dei Disturbi del Comportamento Alimentare e intende formare figure professionali abilitate al lavoro interdisciplinare in questo specifico settore. Si rivolge a psicologi, medici, pediatri, nutrizionisti, psichiatri, neuropsichiatri infantili, endocrinologi, fisioterapisti, infermieri, dietisti, educatori, pedagogisti, counselor, consulenti filosofici, arte- terapeuti e tutti gli specialisti e studenti afferenti a dette professioni. Per alcuni profili l’ammissione al master è consentita previo colloquio.

Le diverse figure professionali vengono accolte nell’ottica di un approccio multidisciplinare per la costruzione di un linguaggio condiviso attraverso un dialogo fra i diversi settori di appartenenza.

Va evidenziato che la frequentazione del Corso, che comporta un approfondimento di specifiche tematiche, non determina l’acquisizione di competenze che restano riservate per legge a specifiche professioni e per le quali il discente non sia in possesso del corrispondente titolo.

LEZIONI (In aula e on-line)

Pur privilegiando la formazione in aula, per assicurare la continuità e completezza dell’attività formativa, nell’eventualità di bisogni vari e/o nuove restrizioni causa emergenza coronavirus, è consentito seguire la parte teorica del corso (mattino) anche on-line.

La clinica potrà essere recuperata in sede AIRP (in 2 giornate: WE, o 2 sabati, data/e da definire). A ciascun iscritto verrà comunicata, a tempo debito, la piattaforma in cui seguire le lezioni on-line, fruibile gratuitamente. Solo per la parte teorica del master è garantita la modalità online.

SEDI
Livorno – c/o AIRP [via Carlo Meyer n°5, (Zona Acquario)]. Tranne la giornata di avvio lavori, il 23 Gennaio 2021, le 6 giornate che seguiranno cadranno sempre il III sabato del mese con orario: 9:30-13:00 e 14:30-17:30.

Siena – Modulo intensivo per un totale di 18,30h così suddivise:

 

– Venerdì 17 settembre 18:00 / 20:00

– Sabato 18 settembre 9:30 -18:30 / 21:00-23:00

– Domenica 19 settembre 9:30-13:00 / 14:30-16:30

 

c/o Centro Studi di Terapia della Gestalt (CSTG) di Siena, Podere Noceto nei pressi di Ville di Corsano, Via di Grotti-Bagnaia, 1216 Monteroni d’Arbia (Siena).

Nota: Pernottamenti (2) e pasti (4) sono a carico dei corsisti al costo complessivo di € 85,00 da regolare in sede.

OPEN DAY: 12 Dicembre 2020 – ore 10:30 – 13:00

Presentazione del Master con Mario Mengheri, Antonio Puleggio, Luigi Sardella, Barbara Marzioni

Il costo del master (IVA compresa, se dovuta) è di:

– entro il 31.08.2020: €    980,00 (soci) – € 1.078,00 (non soci)

– entro il 31.10.2020: € 1.150,00 (soci) – € 1.265,00 (non soci)

– oltre il 01.11.2020:  € 1.350,00 (soci) – € 1.485,00 (non soci)

– dopo l’ 11.01.2021: € 2.350,00 (soci) – € 2.867,00 (non soci)

Entro il 31.10.2020: Per gli studenti universitari: € 950,00 (soci) – € 980,00 (non soci con Quota associativa AIRP: 30,00 €

Modalità di pagamento:

– 1° rata: 350,00 € (all’iscrizione) + 30,00 € (per eventuale iscrizione AIRP)

– 2° rata: entro il 23 gennaio 2021 (350,00 € relativi all’importo ancora da versare)

– Saldo: entro la sessione del 15 maggio 2021

 

Nota: In caso di rinuncia le quote versate non saranno rimborsate;

Evento a numero chiuso per la modalità in presenza: max 28 (di cui 20 già iscritti)
SONO PREVISTI ECM (provider AIPA, 50 ECM) per psicologi e medici (e altre figure professionali) su richiesta degli interessati all’atto di iscrizione.

RILASCIO DEL DIPLOMA DI MASTERA chi frequenterà l’intero ciclo verrà rilasciato il diploma di Master in Clinica dei Disturbi del Comportamento Alimentare, il cui conseguimento è subordinato al superamento di una prova finale consistente nella presentazione e discussione di una tesi formulata in modo originale sotto la guida di un relatore scelto dal candidato fra i docenti del Corso previo accordo con il Direttore Didattico dott. Mario Mengheri, presidente della Commissione.

A coloro che non sosterranno l’esame verrà rilasciato l’Attestato di frequenza e di partecipazione.

Organizzazione e Direzione del corso: Fabrizio Malvaldi, Mario Mengheri

Comitato Scientifico: L. Dalla Ragione, M. Mengheri, F. Montecchi, A. Raggi, R. Zerbetto

Assistenza in aula ed in out-door: Giada Perini (dott.ssa in Psicologia Clinica e in Filosofia. Professional Counselor e Istruttrice di Mindfulness Psicosomatica e trattamento Craniosacrale Biodinamico) e Mario Mengheri (Presidente AIRP) saranno presenti in tutte le lezioni in aula e nelle sessioni in out-door.

Per il programma completo andare a:

https://www.psyeventi.it/ecm/clinica-dei-disturbi-del-comportamento-alimentare-infanto-adolescenziale-e-dell-eta-adulta-c9097.html

 

Dove sono riportate anche le qualifiche dei docenti.

DOCENTI: 

Ciarrocchi AlessandroMococci Tania, Dalla Ragione LauraMontecchi Francesco, Malvaldi Fabrizio, Puleggio Antonio, Mengheri MarioRaggi Alessandro, Nizzoli UmbertoSardella LuigiPuleggio Antonio, Tallarico VincenzoZerbetto Riccardo

Prime phasellus a ullamcorper sapien, in tempus leo. Etiam interdum commodo varius

Nullam quis aliquet turpis. Etiam placerat leo a semper vestibulum. Etiam sem lectus, viverra nec viverra ac, sagittis vel neque. Etiam gravida enim a nibh luctus aliquam. Sed ligula odio, luctus non finibus ut, porttitor et tellus. Donec eget ante quam. Ut nec orci ut arcu laoreet sollicitudin. Nulla turpis metus, vehicula sit amet ligula vitae, rhoncus fringilla diam. Sed suscipit sapien eu arcu pulvinar lobortis. Morbi in purus vehicula, feugiat magna placerat, consequat arcu. Sed a risus ipsum. Integer tincidunt, orci ac ultrices placerat, turpis tellus dictum eros, ac elementum nisl quam at elit. Duis luctus elit mi, at iaculis odio auctor quis.

In at purus a lectus fringilla facilisis. Etiam eget dolor tincidunt, posuere mauris vitae, finibus nulla. Phasellus pellentesque posuere augue eu facilisis. Donec aliquet purus eget pharetra ornare. Suspendisse potenti. Vivamus at ex vestibulum lorem finibus interdum in at arcu. Phasellus a vehicula enim, vitae vehicula libero. Maecenas vel mi interdum, ultrices mauris a, rhoncus turpis. Donec a sagittis diam. Curabitur metus nisl, dictum a dapibus vitae, vulputate ut orci.

Aliquam eu tristique odio, vel efficitur sem. Mauris consequat, ex non molestie vulputate, ligula eros rhoncus elit, id vulputate ligula tortor porttitor tortor. Fusce egestas nisl quis tellus volutpat, nec posuere nibh luctus. Vivamus at lorem a purus condimentum dignissim in quis ex. In iaculis porttitor nunc. Fusce vehicula velit vel tincidunt convallis. Maecenas quis nibh vulputate lectus condimentum mollis. Sed accumsan augue consequat quam accumsan feugiat.
In nec odio nisl. Vivamus consectetur felis ex, sed posuere ligula elementum quis. Cras molestie mattis mi, a rhoncus est commodo vel. Ut sollicitudin elit lacinia mollis finibus. Pellentesque sit amet leo vel nulla bibendum aliquam vel at massa. Sed iaculis auctor lectus, in dapibus eros bibendum non. Phasellus a ullamcorper sapien, in tempus leo. Etiam interdum commodo varius. Aliquam erat volutpat. Vestibulum sodales, lacus vitae facilisis porta, est lorem euismod turpis, venenatis iaculis tortor nibh vel velit. Etiam nec auctor libero. Maecenas lectus enim, lacinia at nibh maximus, vestibulum lobortis risus. Nulla ipsum dui, dignissim non hendrerit ut, tincidunt id libero. Aliquam eu est id arcu egestas vehicula.
Praesent porta lobortis felis id dignissim. Vivamus commodo fermentum quam, non fermentum ipsum lacinia non. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Aliquam magna ligula, scelerisque non feugiat non, euismod vel dolor. Sed sollicitudin, leo non sodales semper, ligula leo laoreet augue, vitae rutrum sem odio vitae est. Mauris purus tortor, finibus sit amet elit ac, tincidunt feugiat nisi. Sed eu sapien nec purus consectetur tincidunt in ac tellus.
Integer sit amet dui gravida, commodo nibh non, commodo nunc. Nulla tincidunt turpis nec gravida feugiat. Duis sapien urna, facilisis a accumsan vel, placerat ac leo. Donec ut risus leo. Donec in metus sem. Donec blandit eu arcu ac accumsan. Vivamus accumsan sagittis efficitur. Orci varius natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus. Curabitur elementum quam nunc, varius pellentesque neque imperdiet et. Fusce eget lobortis dui. Ut magna neque, finibus ut mollis at, commodo vel justo. Integer sit amet enim et purus commodo blandit ac tempus arcu. Proin aliquet sapien at nunc posuere, vel pretium diam facilisis. Suspendisse eu libero orci.
Suspendisse a ultricies tortor. Aenean vitae tempor velit. In ligula nunc, ornare non finibus vitae, commodo vel nulla. Mauris hendrerit, nulla sed elementum fringilla, massa dolor pellentesque ex, sit amet malesuada massa lacus ac lectus. Praesent lobortis nibh eget massa sollicitudin fringilla. Phasellus finibus eros et nunc blandit laoreet. Aliquam erat volutpat. In posuere bibendum nunc, id auctor nibh pharetra non. Aenean consequat nisi ac ante tempor, ut cursus nibh pretium. Donec eget interdum ipsum. Donec tincidunt dui felis, sit amet lacinia urna iaculis eu. Aenean pharetra rhoncus erat at viverra. Vivamus pulvinar tellus sed est condimentum tincidunt.
Nullam venenatis vestibulum venenatis. In lacinia pretium sollicitudin. Vivamus cursus molestie velit, ac convallis nisl accumsan quis. Curabitur lacinia ornare efficitur. Phasellus non diam egestas, lacinia nibh sed, venenatis nulla. Duis facilisis ipsum et ornare egestas. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Integer vulputate lectus a fringilla sollicitudin. Aliquam feugiat, leo sit amet dictum dignissim, lacus sapien dignissim nulla, in luctus erat lectus eget neque. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus.

Classic curabitur elementum quam nunc, varius pellentesque neque imperdiet et. Fusce eget lobortis dui. Ut magna neque

Nullam quis aliquet turpis. Etiam placerat leo a semper vestibulum. Etiam sem lectus, viverra nec viverra ac, sagittis vel neque. Etiam gravida enim a nibh luctus aliquam. Sed ligula odio, luctus non finibus ut, porttitor et tellus. Donec eget ante quam. Ut nec orci ut arcu laoreet sollicitudin. Nulla turpis metus, vehicula sit amet ligula vitae, rhoncus fringilla diam. Sed suscipit sapien eu arcu pulvinar lobortis. Morbi in purus vehicula, feugiat magna placerat, consequat arcu. Sed a risus ipsum. Integer tincidunt, orci ac ultrices placerat, turpis tellus dictum eros, ac elementum nisl quam at elit. Duis luctus elit mi, at iaculis odio auctor quis.

In at purus a lectus fringilla facilisis. Etiam eget dolor tincidunt, posuere mauris vitae, finibus nulla. Phasellus pellentesque posuere augue eu facilisis. Donec aliquet purus eget pharetra ornare. Suspendisse potenti. Vivamus at ex vestibulum lorem finibus interdum in at arcu. Phasellus a vehicula enim, vitae vehicula libero. Maecenas vel mi interdum, ultrices mauris a, rhoncus turpis. Donec a sagittis diam. Curabitur metus nisl, dictum a dapibus vitae, vulputate ut orci.

Aliquam eu tristique odio, vel efficitur sem. Mauris consequat, ex non molestie vulputate, ligula eros rhoncus elit, id vulputate ligula tortor porttitor tortor. Fusce egestas nisl quis tellus volutpat, nec posuere nibh luctus. Vivamus at lorem a purus condimentum dignissim in quis ex. In iaculis porttitor nunc. Fusce vehicula velit vel tincidunt convallis. Maecenas quis nibh vulputate lectus condimentum mollis. Sed accumsan augue consequat quam accumsan feugiat.
In nec odio nisl. Vivamus consectetur felis ex, sed posuere ligula elementum quis. Cras molestie mattis mi, a rhoncus est commodo vel. Ut sollicitudin elit lacinia mollis finibus. Pellentesque sit amet leo vel nulla bibendum aliquam vel at massa. Sed iaculis auctor lectus, in dapibus eros bibendum non. Phasellus a ullamcorper sapien, in tempus leo. Etiam interdum commodo varius. Aliquam erat volutpat. Vestibulum sodales, lacus vitae facilisis porta, est lorem euismod turpis, venenatis iaculis tortor nibh vel velit. Etiam nec auctor libero. Maecenas lectus enim, lacinia at nibh maximus, vestibulum lobortis risus. Nulla ipsum dui, dignissim non hendrerit ut, tincidunt id libero. Aliquam eu est id arcu egestas vehicula.
Praesent porta lobortis felis id dignissim. Vivamus commodo fermentum quam, non fermentum ipsum lacinia non. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Aliquam magna ligula, scelerisque non feugiat non, euismod vel dolor. Sed sollicitudin, leo non sodales semper, ligula leo laoreet augue, vitae rutrum sem odio vitae est. Mauris purus tortor, finibus sit amet elit ac, tincidunt feugiat nisi. Sed eu sapien nec purus consectetur tincidunt in ac tellus.
Integer sit amet dui gravida, commodo nibh non, commodo nunc. Nulla tincidunt turpis nec gravida feugiat. Duis sapien urna, facilisis a accumsan vel, placerat ac leo. Donec ut risus leo. Donec in metus sem. Donec blandit eu arcu ac accumsan. Vivamus accumsan sagittis efficitur. Orci varius natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus. Curabitur elementum quam nunc, varius pellentesque neque imperdiet et. Fusce eget lobortis dui. Ut magna neque, finibus ut mollis at, commodo vel justo. Integer sit amet enim et purus commodo blandit ac tempus arcu. Proin aliquet sapien at nunc posuere, vel pretium diam facilisis. Suspendisse eu libero orci.
Suspendisse a ultricies tortor. Aenean vitae tempor velit. In ligula nunc, ornare non finibus vitae, commodo vel nulla. Mauris hendrerit, nulla sed elementum fringilla, massa dolor pellentesque ex, sit amet malesuada massa lacus ac lectus. Praesent lobortis nibh eget massa sollicitudin fringilla. Phasellus finibus eros et nunc blandit laoreet. Aliquam erat volutpat. In posuere bibendum nunc, id auctor nibh pharetra non. Aenean consequat nisi ac ante tempor, ut cursus nibh pretium. Donec eget interdum ipsum. Donec tincidunt dui felis, sit amet lacinia urna iaculis eu. Aenean pharetra rhoncus erat at viverra. Vivamus pulvinar tellus sed est condimentum tincidunt.
Nullam venenatis vestibulum venenatis. In lacinia pretium sollicitudin. Vivamus cursus molestie velit, ac convallis nisl accumsan quis. Curabitur lacinia ornare efficitur. Phasellus non diam egestas, lacinia nibh sed, venenatis nulla. Duis facilisis ipsum et ornare egestas. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Integer vulputate lectus a fringilla sollicitudin. Aliquam feugiat, leo sit amet dictum dignissim, lacus sapien dignissim nulla, in luctus erat lectus eget neque. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus.

Umbra aliquam feugiat, leo sit amet dictum dignissim, lacus sapien dignissim nulla, in luctus erat

Nullam quis aliquet turpis. Etiam placerat leo a semper vestibulum. Etiam sem lectus, viverra nec viverra ac, sagittis vel neque. Etiam gravida enim a nibh luctus aliquam. Sed ligula odio, luctus non finibus ut, porttitor et tellus. Donec eget ante quam. Ut nec orci ut arcu laoreet sollicitudin. Nulla turpis metus, vehicula sit amet ligula vitae, rhoncus fringilla diam. Sed suscipit sapien eu arcu pulvinar lobortis. Morbi in purus vehicula, feugiat magna placerat, consequat arcu. Sed a risus ipsum. Integer tincidunt, orci ac ultrices placerat, turpis tellus dictum eros, ac elementum nisl quam at elit. Duis luctus elit mi, at iaculis odio auctor quis.

In at purus a lectus fringilla facilisis. Etiam eget dolor tincidunt, posuere mauris vitae, finibus nulla. Phasellus pellentesque posuere augue eu facilisis. Donec aliquet purus eget pharetra ornare. Suspendisse potenti. Vivamus at ex vestibulum lorem finibus interdum in at arcu. Phasellus a vehicula enim, vitae vehicula libero. Maecenas vel mi interdum, ultrices mauris a, rhoncus turpis. Donec a sagittis diam. Curabitur metus nisl, dictum a dapibus vitae, vulputate ut orci.

Aliquam eu tristique odio, vel efficitur sem. Mauris consequat, ex non molestie vulputate, ligula eros rhoncus elit, id vulputate ligula tortor porttitor tortor. Fusce egestas nisl quis tellus volutpat, nec posuere nibh luctus. Vivamus at lorem a purus condimentum dignissim in quis ex. In iaculis porttitor nunc. Fusce vehicula velit vel tincidunt convallis. Maecenas quis nibh vulputate lectus condimentum mollis. Sed accumsan augue consequat quam accumsan feugiat.
In nec odio nisl. Vivamus consectetur felis ex, sed posuere ligula elementum quis. Cras molestie mattis mi, a rhoncus est commodo vel. Ut sollicitudin elit lacinia mollis finibus. Pellentesque sit amet leo vel nulla bibendum aliquam vel at massa. Sed iaculis auctor lectus, in dapibus eros bibendum non. Phasellus a ullamcorper sapien, in tempus leo. Etiam interdum commodo varius. Aliquam erat volutpat. Vestibulum sodales, lacus vitae facilisis porta, est lorem euismod turpis, venenatis iaculis tortor nibh vel velit. Etiam nec auctor libero. Maecenas lectus enim, lacinia at nibh maximus, vestibulum lobortis risus. Nulla ipsum dui, dignissim non hendrerit ut, tincidunt id libero. Aliquam eu est id arcu egestas vehicula.
Praesent porta lobortis felis id dignissim. Vivamus commodo fermentum quam, non fermentum ipsum lacinia non. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Aliquam magna ligula, scelerisque non feugiat non, euismod vel dolor. Sed sollicitudin, leo non sodales semper, ligula leo laoreet augue, vitae rutrum sem odio vitae est. Mauris purus tortor, finibus sit amet elit ac, tincidunt feugiat nisi. Sed eu sapien nec purus consectetur tincidunt in ac tellus.
Integer sit amet dui gravida, commodo nibh non, commodo nunc. Nulla tincidunt turpis nec gravida feugiat. Duis sapien urna, facilisis a accumsan vel, placerat ac leo. Donec ut risus leo. Donec in metus sem. Donec blandit eu arcu ac accumsan. Vivamus accumsan sagittis efficitur. Orci varius natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus. Curabitur elementum quam nunc, varius pellentesque neque imperdiet et. Fusce eget lobortis dui. Ut magna neque, finibus ut mollis at, commodo vel justo. Integer sit amet enim et purus commodo blandit ac tempus arcu. Proin aliquet sapien at nunc posuere, vel pretium diam facilisis. Suspendisse eu libero orci.
Suspendisse a ultricies tortor. Aenean vitae tempor velit. In ligula nunc, ornare non finibus vitae, commodo vel nulla. Mauris hendrerit, nulla sed elementum fringilla, massa dolor pellentesque ex, sit amet malesuada massa lacus ac lectus. Praesent lobortis nibh eget massa sollicitudin fringilla. Phasellus finibus eros et nunc blandit laoreet. Aliquam erat volutpat. In posuere bibendum nunc, id auctor nibh pharetra non. Aenean consequat nisi ac ante tempor, ut cursus nibh pretium. Donec eget interdum ipsum. Donec tincidunt dui felis, sit amet lacinia urna iaculis eu. Aenean pharetra rhoncus erat at viverra. Vivamus pulvinar tellus sed est condimentum tincidunt.
Nullam venenatis vestibulum venenatis. In lacinia pretium sollicitudin. Vivamus cursus molestie velit, ac convallis nisl accumsan quis. Curabitur lacinia ornare efficitur. Phasellus non diam egestas, lacinia nibh sed, venenatis nulla. Duis facilisis ipsum et ornare egestas. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Integer vulputate lectus a fringilla sollicitudin. Aliquam feugiat, leo sit amet dictum dignissim, lacus sapien dignissim nulla, in luctus erat lectus eget neque. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus.

Felix ut magna neque, finibus ut mollis at, commodo vel justo. Integer sit amet enim et purus commodo

Nullam quis aliquet turpis. Etiam placerat leo a semper vestibulum. Etiam sem lectus, viverra nec viverra ac, sagittis vel neque. Etiam gravida enim a nibh luctus aliquam. Sed ligula odio, luctus non finibus ut, porttitor et tellus. Donec eget ante quam. Ut nec orci ut arcu laoreet sollicitudin. Nulla turpis metus, vehicula sit amet ligula vitae, rhoncus fringilla diam. Sed suscipit sapien eu arcu pulvinar lobortis. Morbi in purus vehicula, feugiat magna placerat, consequat arcu. Sed a risus ipsum. Integer tincidunt, orci ac ultrices placerat, turpis tellus dictum eros, ac elementum nisl quam at elit. Duis luctus elit mi, at iaculis odio auctor quis.

In at purus a lectus fringilla facilisis. Etiam eget dolor tincidunt, posuere mauris vitae, finibus nulla. Phasellus pellentesque posuere augue eu facilisis. Donec aliquet purus eget pharetra ornare. Suspendisse potenti. Vivamus at ex vestibulum lorem finibus interdum in at arcu. Phasellus a vehicula enim, vitae vehicula libero. Maecenas vel mi interdum, ultrices mauris a, rhoncus turpis. Donec a sagittis diam. Curabitur metus nisl, dictum a dapibus vitae, vulputate ut orci.

Aliquam eu tristique odio, vel efficitur sem. Mauris consequat, ex non molestie vulputate, ligula eros rhoncus elit, id vulputate ligula tortor porttitor tortor. Fusce egestas nisl quis tellus volutpat, nec posuere nibh luctus. Vivamus at lorem a purus condimentum dignissim in quis ex. In iaculis porttitor nunc. Fusce vehicula velit vel tincidunt convallis. Maecenas quis nibh vulputate lectus condimentum mollis. Sed accumsan augue consequat quam accumsan feugiat.
In nec odio nisl. Vivamus consectetur felis ex, sed posuere ligula elementum quis. Cras molestie mattis mi, a rhoncus est commodo vel. Ut sollicitudin elit lacinia mollis finibus. Pellentesque sit amet leo vel nulla bibendum aliquam vel at massa. Sed iaculis auctor lectus, in dapibus eros bibendum non. Phasellus a ullamcorper sapien, in tempus leo. Etiam interdum commodo varius. Aliquam erat volutpat. Vestibulum sodales, lacus vitae facilisis porta, est lorem euismod turpis, venenatis iaculis tortor nibh vel velit. Etiam nec auctor libero. Maecenas lectus enim, lacinia at nibh maximus, vestibulum lobortis risus. Nulla ipsum dui, dignissim non hendrerit ut, tincidunt id libero. Aliquam eu est id arcu egestas vehicula.
Praesent porta lobortis felis id dignissim. Vivamus commodo fermentum quam, non fermentum ipsum lacinia non. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Aliquam magna ligula, scelerisque non feugiat non, euismod vel dolor. Sed sollicitudin, leo non sodales semper, ligula leo laoreet augue, vitae rutrum sem odio vitae est. Mauris purus tortor, finibus sit amet elit ac, tincidunt feugiat nisi. Sed eu sapien nec purus consectetur tincidunt in ac tellus.
Integer sit amet dui gravida, commodo nibh non, commodo nunc. Nulla tincidunt turpis nec gravida feugiat. Duis sapien urna, facilisis a accumsan vel, placerat ac leo. Donec ut risus leo. Donec in metus sem. Donec blandit eu arcu ac accumsan. Vivamus accumsan sagittis efficitur. Orci varius natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus. Curabitur elementum quam nunc, varius pellentesque neque imperdiet et. Fusce eget lobortis dui. Ut magna neque, finibus ut mollis at, commodo vel justo. Integer sit amet enim et purus commodo blandit ac tempus arcu. Proin aliquet sapien at nunc posuere, vel pretium diam facilisis. Suspendisse eu libero orci.
Suspendisse a ultricies tortor. Aenean vitae tempor velit. In ligula nunc, ornare non finibus vitae, commodo vel nulla. Mauris hendrerit, nulla sed elementum fringilla, massa dolor pellentesque ex, sit amet malesuada massa lacus ac lectus. Praesent lobortis nibh eget massa sollicitudin fringilla. Phasellus finibus eros et nunc blandit laoreet. Aliquam erat volutpat. In posuere bibendum nunc, id auctor nibh pharetra non. Aenean consequat nisi ac ante tempor, ut cursus nibh pretium. Donec eget interdum ipsum. Donec tincidunt dui felis, sit amet lacinia urna iaculis eu. Aenean pharetra rhoncus erat at viverra. Vivamus pulvinar tellus sed est condimentum tincidunt.
Nullam venenatis vestibulum venenatis. In lacinia pretium sollicitudin. Vivamus cursus molestie velit, ac convallis nisl accumsan quis. Curabitur lacinia ornare efficitur. Phasellus non diam egestas, lacinia nibh sed, venenatis nulla. Duis facilisis ipsum et ornare egestas. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Integer vulputate lectus a fringilla sollicitudin. Aliquam feugiat, leo sit amet dictum dignissim, lacus sapien dignissim nulla, in luctus erat lectus eget neque. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus.