Corso di Specializzazione in Gestalt, Mito e Mondo Immaginale

Approfondire le proprie conoscenze ed il proprio modo di lavorare attraverso le suggestioni umanistiche integrate al lavoro gestaltico, rappresenta un percorso ricco, affascinante e mai scontato. Le immagini e gli archetipi si incarnano con straordinaria potenza grazie alla metodologia esperienziale tipica dell’approccio gestaltico, e diventano guide preziose nella scoperta di Sè nel dialogo con l’Altro. Esplorare i territori del Mondo Immaginale significa, gestalticamente, scoprire le atmosfere dei luoghi interiori che lo compongono, incontrare e dialogare con le figure che lo popolano, far risuonare in se’ e trovare rispondenza a voci antiche.

Il percorso, in quanto promosso dal CSTG – Sede Chirone Lombardia dà diritto all’utilizzo del “bonus” di cui all’articolo 1, Comma 121 della Legge 13/07/15.  Inoltre è previsto l’accreditamento per coloro che avessero già seguito un gruppo ad indirizzo gestaltico -archetipico.

PROGRAMMA                                                        

  • Figure del mito come nucleo archetipico (infirmitas dei) della psicopatologia

Il lutto di Demetra: stati melanconici e depressivi

Apollo: il perfezionismo e i tratti ossessivi

La vergine Artemide e il mito della eterna fanciulla

La follia di Oreste: tratti borderline e fenomeni di confine

Edipo ed Elettra: le asimmetrie della dinamica incestuale

L’incursione di Pan: discontrollo degli impulsi e attacchi di panico

Medea e il figlicidio: tra possesso e alienazione parentale

Il furore di Ares: impulsi aggressivo-distruttivi

  • Sogni, territori onirici e Personaggi dell’anima

Esploreremo attraverso l’approccio gestaltico e archetipico i vasti territori del sogno e della visione con particolare attenzione alla «Immaginazione attiva» introdotta da Jung nel «Libro Rosso» e sviluppata da Perls nel lavoro sulla drammatizzazione tra le figure del sogno.

  • Drammaterapia

Tutto il fascino e la suggestione del teatro antico alla base di un lavoro esperienziale nel quale poter rivivere in prima persona alcuni passaggi della vicenda in cui ci identifichiamo maggiormente (coerentemente al concetto di «mimesis» nella Poetica di Aristotele).

  • Strutture antropologiche dell’immaginario

Delineeremo la mappa dell’immaginario secondo la bipartizione di Durand, regime diurno e regime notturno, e ne percorreremo le strade.

  • Percorso esperienziale

12 incontri di gruppo condotto con approccio gestaltico-archetipico

DOCENTI

Riccardo Zerbetto 

Psichiatra e psicoterapeuta didatta FISIG, già Presidente della European Association for Psychoterapy e socio onorario della Federazione Italiana delle Associazioni di Psioterapia – FIAP. Autore di pubblicazioni sul mito.

Romano Madera

Professore ordinario di Filosofia Morale e pratiche filosofiche presso l’Università degli Studi Milano Bicocca. Psicoterapeuta appartenente ad AIPA, IIAP e Laboratorio Analitico delle Immagini. Tra i fondatori della Scuola Superiore delle pratiche filosofiche PHILO.

Paolo Mottana

Professore ordinario di filosofia dell’educazione all’Università di Milano Bicocca. Ha insegnato Filosofia immaginale e didattica artistica all’Accademia di Brera e da anni si occupa dei rapporti tra immaginario, filosofia ed educazione.

Giorgio Antonelli

Psicologo, Psicoanalista junghiano, Direttore della «Rivista di psicologia e letteratura».

Primo Lorenzi

Psichiatra, psicoterapeuta, autore di varie monografie tra cui «Donne e Dee: figure dell’eterno femminino», Alpes 2011.

Daniela Fausti

Docente di Letteratura greca, Dipartimento di Filologia presso l’Università degli Studi di Siena e membro del Centro di Antroplogia e Mondo Antico della stessa Università.

Lucia Fani

Counselor Trainer Supervisor, mediatrice familiare, docente presso scuole di counseling.

Sara Bergomi

Trainer Supervisor Counselor, Gestalt terapeuta in Francia, docente CSTG, specializzata in pratiche immaginali.

PER ISCRIZIONE E INFORMAZIONI scrivere a: segreteria@cstg.it

Apri la locandina per il calendario del corso

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE COUNSELING SCOLASTICO

Riconosciuto da Assocounseling, Associazione Professionale di Categoria codice riconoscimento: CERT-0013-200

IL COUNSELING è un intervento che si pone ad un livello intermedio tra il semplice ascolto e la più complessa psicoterapia.

Rispetto a quest’ultima, si definisce per una maggiore focalizzazione su temi specifici (che non di esplorazione più profonda della personalità e della storia passata), per un maggior aggancio a situazioni reali, per una più definita contrattualizzazione con l’utente (in termini di possibilità e limiti dell’intervento), per una  più breve durata e minore enfatizzazione sulla dinamica transferale.

LA SCUOLA. Il disagio non è solo patologia, è crescita, è ricerca della propria identità, è lo spaesamento delle fasi di passaggio e noi sappiamo che uno dei passaggi più importanti nella vita dell’uomo avviene nella scuola. Questa fase così importante e delicata esige che non sia resa nota soltanto un’informativa tesa a trasmettere delle abilità per sopravvivere in una società competitiva, ma che si possa usufruire di un accompagnamento nei momenti di turbamento, incertezza, confusione e disorientamento che uno studente inevitabilmente incontra. Con il nostro percorso l’intenzione è di promuovere lo sviluppo di queste competenze.

IL COUNSELING SCOLASTICO. L’obiettivo è quello di sviluppare un’adeguata abilità comunicativa e di agevolare relazioni positive ed efficaci tra studenti, insegnanti, genitori e altre figure educative e professionali. Il livello relazionale del lavoro degli insegnanti determina in modo sostanziale la possibilità di applicare gli strumenti ed attivare le funzioni della professionalità dei docenti. Gli insegnanti, in realtà, nella quasi totalità dei casi si trovano ad interagire con alunni che proiettano sui docenti i modelli relazionali tanto spesso disfunzionali appresi in ambiti estranei alla scuola.

Scarica la brochure

Introduzione al Counseling Scolastico

I principi e le tecniche del Counseling possono integrarsi nella relazione educativa promuovendo un insegnamento attivo con approfondimenti sulle capacità d’ascolto, sulla comunicazione intersoggettiva e sulla gestione del gruppo classe.

Il percorso, in quanto promosso dal CSTG – Sede Chirone Lombardia dà diritto all’utilizzo del “bonus” di cui all’articolo 1, Comma 121 della Legge 13/07/15.  L’iniziativa è riconosciuta dal M.I.U.R ai sensi dell’articolo 2, comma 5 del Decreto Ministeriale del 10 luglio n.177 e dell’articolo 4, comma 6 della Direttiva ministeriale del 1 dicembre 2003 n.90.

Apri la locandina

Apri il pieghevole

Scheda di iscrizione

Clicca sul calendario per scaricare il file:

tl_files/redazione sito/counselign scolastico/calendario.jpg

PER ISCRIZIONE E INFORMAZIONI scrivere a:

carla.basciano.29@gmail.com

mat.covelli@hotmail.it

segreteria@cstg.it

Ciclo di incontri di presentazione del CSTG 2016

Il Centro Studi terapia della Gestalt promuove un ciclo di incontri sulle più attuali prospettive di intervento nel campo della psicoterapia.

Gli incontri si propongono di offrire a quanti interessati la possibilità di entrare in contatto con alcune esperienze portate avanti in questi anni sia da terapeuti esperti, professori associati della scuola, che da giovani didatti.

Calendario incontri

Inizio ore 19,30

  • 19 febbraio:     Aggressività e prevenzione della violenza. Il contributo della Gestalt. Filippo Petrogalli
  • 4 marzo:            Poetica dell’esperienza. Una questione di stile. Zaira Di Mauro
  • 21 marzo:         “La vita delle immagini. Dalla Venere di Willendorf alla Balloon Venus di Jeff Koons”. Sara Bergomi
  • 8 aprile:            Principi di interculturalità in un’ottica gestaltica. Luisella Imparato e Filippo Petrogalli
  • 13 maggio:       Le nostre scelte amorose.  Zaira Di Mauro e Germana Erba

Apri la locandina per maggiori dettagli